Brexit: cosa cambia nel calcio?

Brexit: cosa cambia nel calcio?

L’uscita del Regno Unito dall’Europa avrà conseguenze anche a livello sportivo, soprattutto per i trasferimenti dei calciatori.

Senza entrare in questioni politiche, la Brexit sancita ieri dal referendum avrà ripercussioni anche sul mondo sportivo. Sostanzialmente, il Regno Unito diventa extracomunitario. Questo significa che i giocatori di nazionalità estera che venissero acquistati dai club inglesi dovrebbero ottenere il permesso di lavoro non potendo più beneficiare della libera circolazione all’interno degli stati appartenenti all’Unione Europea. Per ottenere il permesso di lavoro servono una serie di requisiti, e giocatori come Cristiano Ronaldo o altri grandi campioni del passato transitati dal campionato inglese avrebbero rischiato di non averlo.

Non solo, l’uscita dall’Unione Europea vieterà ai club di Premier di ingaggiare giovani calciatori (sotto i 18 anni) dagli altri paesi europei appartenenti all’UE per via dell’articolo 19 dello statuto Fifa. Attenzione però, l’uscita dall’Unione non avverrà in un giorno, il processo potrebbe essere molto lunto e verrà attuato per step.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy