Breda: ”Bologna favorito ma attenzione allo Spezia”

Breda: ”Bologna favorito ma attenzione allo Spezia”

Roberto Breda, ex ct del Latina ed ex calciatore della Salernitana allenata da Delio Rossi alla fine degli anni 90, ha parlato dei playoff soffermandosi sul ruolo di favorito del Bologna e sull’avversario secondo lui sulla carta più temibile: ”Lo Spezia è la squadra più in forma. Ma i rossoblu hanno il vantaggio di essere arrivati quarti e quindi di saltare il primo turno, e hanno l’attacco più forte”. E a chi gli fa notare la crisi dell’attacco rossoblù, con all’attivo soltanto 8 reti nel girone di ritorno, Breda risponde così: ”I campioni della categoria sono pronti a venire fuori quando conta. Sono pronto a scommettere su Mancosu, uno che ha fatto 36 gol negli ultimi 2 anni non può essersi dimenticato il mestiere, e su Cacia”. A sostegno di ciò ricorda il caso di un certo Marco Di Vaio, suo vecchio compagno di squadra nella stagione ’97-’98 della storica promozione in serie A della Salernitana con alla guida, guarda caso, lo stesso Delio Rossi: ”In B, nell’anno della promozione segnò quindici gol nelle prime quindici partite, poi rimase a secco per una decina di gare. Ma nelle ultime dieci partite chi credete abbia fatto i gol che ci portarono in serie A se non Di Vaio, che chiuse a 21?”. Per sbloccarsi dunque saranno fondamentali le giuste motivazioni: ”Se andranno in serie A sanno che nessuno si ricorderà del brutto periodo passato, ma solo del fatto che sono stati decisivi”. La forma fisica non eccellente dei rossoblù invece non sembra preoccupare più di tanto Breda, che confida nell’abilità tattica del suo vecchio allenatore per ovviare al problema: ”Rossi tatticamente è un maestro nell’accorciare le distanze tra reparti e giocatori dello stesso reparto, per far correre meno i calciatori e di più il pallone”. E anche se un mese può sembrare poco per riuscire ad imporre la propria mentalità all’interno di un gruppo, Breda si dimostra fiducioso: ”Rossi è abile nel resettare la testa dei calciatori. Io credo in Rossi e nel suo Bologna”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy