Bonora: “Non esiste che non ci sia sorteggio integrale per gli arbitri”

Bonora: “Non esiste che non ci sia sorteggio integrale per gli arbitri”

Intervenuto a “Quasi Gol” il giornalista Jack Bonora ha parlato del discusso arbitraggio di Rocchi in Bologna-Roma e di basket con l’infortuno di Allan Ray, giocatore fondamentale per la Virtus Bologna

Intervenuto a “Quasi Gol”, Jack Bonora ha parlato del discusso arbitraggio di Rocchi nella partita con la Roma e dei giovani del Bologna. Bonora ha giustificato Rocchi dicendo che la sua scarsa tranquillità può essere dovuta al fatto che dopo mesi sia tornato ad arbitrare la Roma, squadra che lo aveva fortemente contestato nella famosa sfida con la Juve. Si è schierato quindi contro il sistema di designazione degli arbitri:”Non esiste che non ci sia il sorteggio integrale, una società non può rifiutare un arbitro perchè ritiene di essere stata penalizzata in passato. E’ sbagliato il metodo alla base, ci vuole un’inversione di tendenza.”

Riguardo ai promettenti giovani rossoblu Bonora ha spiegato: “Il sistema Bologna è cambiato, una volta i giovani si lanciavano, ora i giovani stanno qua a giocare perchè il Bologna in futuro può diventare una grande squadra. Giocatori come Masina o Diawara non hanno motivo di lasciare Bologna perchè tra qualche anno si può arrivare al livello di squadre come Fiorentina, Napoli o Roma. Sul mercato-ha aggiunto-bisogna fare dei prestiti in serie B a Gennaio.”

Chiudendo con il basket, Jack Bonora ha parlato dell’infortunio di Allan Ray:”Non recupera per la partita di Avellino, al momento non si è ancora allenato. Sta facendo solo terapia ed è rischioso metterlo in campo se non è al meglio della condizione.” Inoltre ha parlato di Pistoia, protagonista di un inizio di stagione molto brillante: ”Alla fine i valori emergeranno, Pistoia farà una buona stagione ma non è da scudetto. Grande parte dei meriti vanno all’allenatore Vincenzo Esposito che si è dimostrato molto capace.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy