Boniciolli: “Complimenti ai miei giocatori, abbiamo dato un segnale forte”

Boniciolli: “Complimenti ai miei giocatori, abbiamo dato un segnale forte”

Le parole di coach Boniciolli dopo la vittoria della Fortitudo contro Treviglio.

La Fortitudo ha ottenuto ieri una fondamentale vittoria in chiave playoff, Flowers e Daniels sono risultati decisivi nel trionfo casalingo contro Treviglio.

Al termine della gara ha parlato il coach biancoblù Boniciolli, visibilmente soddisfatto della prestazione dei suoi: “Oggi prima che agli avversari devo fare i complimenti ai miei giocatori. Eravamo reduci da una settimana complessa, in cui il mio compito era quello di rasserenare gli animi. Abbiamo dato un segnale forte, tenendo a 57 punti una squadra che ne aveva fatti 94 a Roseto: la nostra prestazione difensiva è stata ai limiti della perfezione. In più abbiamo attaccato con attenzione perdendo poche volte il filo della partita”.

Boniciolli ha commentato anche la tripla decisiva di Flowers che si infila a canestro con l’aiuto della tabella, episodio fondamentale per il finale di gara: “Dopo venticinque giornate di sfortuna, oggi abbiamo conquistato il primo successo con un colpo di fortuna con una tabellata di un giocatore che comunque ha tiro da quella posizione. Questo episodio accende la mia speranza, abbiamo ancora quattro partite con squadre eccellenti, ma nessuna di queste non è alla nostra portata. Dopo aver sistemato la differenza canestri con Ravenna e Treviglio, buttare l’accesso ai playoff per leggerezza sarebbe un vero peccato.”

Il calore dei tifosi bolognesi è stato un altro fattore decisivo per la grande vittoria della Fortitudo, come conferma anche coach Boniciolli: “Abbiamo un pubblico da Eurolega che dal 9 a 0 per noi al 9-12 non ha mai smesso di incitare la squadra: al PalaDozza la Fortitudo è difficilmente battibile. Amoroso? Non era previsto che giocasse, ma con Raucci fuori e Italiano che giocava a fare Magic Johnson, si è messo a disposizione: se questo è l’atteggiamento di un veterano che poteva risparmiarsi in vista della prossima stagione, ci sono tutte le premesse per raggiungere i play off. Affrontiamo questa pausa nel migliore modo possibile, inizieremo ad allenarci mercoledì e poi prepareremo lo sprint finale a cui arriveremo con altre quattro squadre. Candi ha sbagliato tiri che di solito non sbaglia, ma ha 18 anni e un anno fa non era nelle rotazioni due categorie sotto. Ci sono molte squadre di A1 che vengono a vederlo, se avesse giocato sempre ad alto livello sarebbe nel draft dell’under 21: i suoi alti e bassi sono il motivo per cui siamo qui. Abbiamo fatto una rosa che in futuro non andrà stravolta.”

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy