Bologna-Verona, sfida tra bomber in cerca di rilancio

Bologna-Verona, sfida tra bomber in cerca di rilancio

Destro contro Pazzini, sfida tra numeri nove (che non indossano)

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Sfida tra numeri nove, anche se nessuno lo indossa. Il numero 11 del Verona e il numero 10 del Bologna domani si ritroveranno di fronte, anche se probabilmente verranno pochissimo a contatto giocando dalla parte opposta del campo. Il loro obiettivo sarà la porta avversaria, da gonfiare il più possibile per aiutare la propria squadra a portare a casa punti importanti. Pazzini e Destro, storia di bomber, con intrecci di mercato, sliding doors del calcio. Pazzini, cercato a più riprese dal Bologna, sembrava in procinto di vestirsi di rossoblù in estate, poi i dubbi di Rossi e le strategie di Corvino portarono alla scelta di Mattia Destro, l’investimento che Saputo ha deciso di effettuare per quello è stato designato bomber del Bologna dei prossimi anni, quelli che dovrebbero portare al rilancio del club ad alti livelli.

Non solo Destro è costato, anche Pazzini. 5 anni di contratto a un 31enne, evidentemente la strategia degli scaligeri è fare di Pazzini il nuovo Toni, ovvero l’attaccante dato per spacciato che a Verona trova una seconda giovinezza. Fino adesso Pazzini non ce l’ha fatta, l’infortunio di Toni ha penalizzato non poco Mandorlini ma il ‘pazzo’ è rimasto in ombra, fermato anche da un infortunio alla caviglia. Un solo gol in campionato contro l’Udinese che è valso un punto, per il resto poca roba, anche nell’ultima trasferta a Modena contro il Carpi. Nemmeno Destro ha fatto faville, ma quel gol contro l’Atalanta può essere decisivo per sbloccare l’ex Milan. A proposito di Milan: è il club che ha deciso di scaricare sia lui che Pazzini.

Due attaccanti onerosi a cui le proprie squadre si affidano per raggiungere la salvezza e mai come in questo momento i loro gol possono essere decisivi. Il risultato di domani potrebbe dipendere dal loro rendimento e i rossoblù dovranno fare attenzione a Pazzini che quando vede Bologna si scatena, anche nei momenti di crisi. Bologna e Verona, due squadre in difficoltà e che segnano col contagocce. Domani può bastare anche solo una stoccata, l’importante è che sia di Destro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy