Bologna-Verona, l’amarcord

Bologna-Verona, l’amarcord

di Amos Segal

Introduzione

Giovedì sera, alle ore 21:00, andrà in scena allo Stadio “Renato Dall’Ara” una partita dal gusto speciale: Bologna-Hellas Verona, per il quarto turno eliminatorio della Coppa Italia, la squadra vincente affronterà l’Inter. I gialloblù veronesi sono entrati di diritto nella storia del calcio italiano per quella magnifica impresa che fu lo Scudetto, conquistato nella stagione 1984/1985 e che fece della compagine veneta la prima rappresentante di una città non capoluogo di regione ad aggiudicarsi il titolo nazionale: al giorno d’oggi, potremo paragonare quella fantastica ed inaspettata cavalcata al Leicester di Claudio Ranieri della scorsa stagione.

Le origini del club risalgono all’ottobre del 1903, con un gruppo di studenti di liceo i quali, su suggerimento dell’insegnante di greco Decio Corubolo, crearono l’Associazione Calcio Hellas, che nel 1919 cambiò il nome in Football Club Hellas accogliendo la società minore Verona. Dieci anni dopo, con l’inizio della massima serie a girone unico, furono incorporate nella società veronese altre due associazioni più piccole, il Bentegodi e la Scaligera, portando così il nuovo nome di Associazione Calcio Verona.

Fu nell’estate del 1958 che il club assunse il nome definitivo di Associazione Calcio Hellas Verona, grazie all’ennesima fusione con un’altra società, l’A.S. Hellas.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy