Bologna, quella volta che il Mancio incontrò Saputo

Bologna, quella volta che il Mancio incontrò Saputo

Estate 2014, il contatto tra Mancini e Saputo

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Domani Roberto Mancini tornerà a Bologna e andrà in panchina, ma non su quella rossoblù. Sarà impegnato con la Nazionale Italiana, con i tifosi del Bologna che ricordano ancora quando Saputo lo incontrò agli albori della sua avventura bolognese.

Estate 2014, Tacopina sta per sfilare a Guaraldi il Bologna e tra gli investitori c’è proprio il canadese Saputo, il quale subito si mette in contatto con Roberto Mancini incontrandolo, assieme al fido De Santis, all’Hotel Savoy di Firenze. Il Mancio consiglia a Saputo di puntare da subito sui giovani italiani e al termine del colloquio i due si ripromettono di risentirsi una volta che il Bologna avrà cambiato proprietà. In fin dei conti sulla panca si accomodava Diego Lopez, tutt’altro pedigree rispetto a Mancini. Poi i discorsi rimasero interrotti lì. Il Resto del Carlino sottolinea come il progetto originario di Saputo abbia successivamente imboccato la morigeratezza finanziaria che non si concilia con le ambizioni di un allenatore come Mancini. Un tecnico che non si è fatto scrupoli di sottoporre ai presidenti di turno la lista della spesa.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy