Bologna, perché i rossoblù non devono mollare la presa

Bologna, perché i rossoblù non devono mollare la presa

Se i felsinei riuscissero a confermarsi nella colonnina sinistra della classifica riceverebbero più soldi dai diritti tv.

di Marco Guerra

Manca ancora tanto alla fine del campionato e il Bologna, virtualmente salvo da parecchie giornate, non deve pensare di essere già in vacanza. Difficilissimo raggiungere già da quest’anno la qualificazione in Europa League, ma non per questo Destro e compagni sono autorizzati a tirare i remi in barca.

Come ricordato dal presidente della Lega A Maurizio Beretta, sono stati ridefiniti i coefficienti legati alla distribuzione dei profitti provenienti dai diritti tv. Le prime 10 squadre in classifica avranno introiti maggiori rispetto alle altre. Cosa significa? In soldoni, se il Bologna, attualmente nono, riuscisse a confermarsi nella colonnina sinistra della classifica riceverebbe più soldi dalla Lega.

Non solo, più in alto si arriva, più si guadagna. I rossoblù hanno i fari puntati sulla Lazio, distratta dall’Europa League, ma, perché no, anche sul Sassuolo. Le motivazioni non mancano, il Bologna non deve abbassare la guardia sul più bello.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy