Bologna, la salvezza è nelle tue mani

Bologna, la salvezza è nelle tue mani

Il negativo finale di stagione non mette in discussione la permanenza nel massimo campionato.

La sconfitta di sabato contro il Torino lascia strascichi negativi in casa Bologna. I rossoblù, che  qualche giorno prima avevano riacceso la luce su un oscuro finale di stagione fermando la Roma all’Olimpico, sono ripiombati in un clima di incertezza e preoccupazione. La salvezza non sembra comunque in discussione. La squadra di Donadoni ha finora racimolato 37 punti, ne basterebbero al massimo altri due per mettere in cassaforte la permanenza in Serie A.

PALERMO, FROSINONE E CARPI – Lotta promozione che coinvolge invece Palermo, Frosinone e Carpi. Penultimo in classifica a quota 28 punti, il Palermo è, insieme al Verona, la prima candidata alla retrocessione nel campionato cadetto. Mercoledì i rosanero ospiteranno al Barbera l’Atalanta, poi gli scontri diretti con Frosinone e Sampdoria, la trasferta di Firenze e la gara casalinga contro l’Hellas. A più due sui rosanero, non se la passa molto meglio il Frosinone. Oltre all’incontro del Matusa contro la squadra di Ballardini, i ciociari incontreranno anche Chievo, Milan, Sassuolo e Napoli. Qualche speranza in più per il Carpi, quartultimo in classifica con 31 punti. È vero, gli emiliani se la vedranno in trasferta con Milan e Juve, ma ospiteranno a Modena un Empoli che non ha più nulla da chiedere al campionato e la Lazio di Inzaghi, per poi chiudere la stagione a Udine.

SAMP E UDINESE… – Difficile che altre squadre vengano risucchiate nella torbide acque della zona retrocessione. Occhio però al finale di stagione di Sampdoria (36 punti) e Udinese (35 punti). I blucerchiati faranno visita a Sassuolo, Palermo e Juventus, mentre a Marassi, dove si giocherà l’atteso derby della Lanterna col Genoa, arriverà la Lazio. Calendario non facile anche per i friulani, attesi dalle gare con Fiorentina, Inter, Torino, Atalanta e Carpi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy