Donadoni: “Sono io il primo tifoso, in futuro vogliamo dare più soddisfazioni”

Donadoni: “Sono io il primo tifoso, in futuro vogliamo dare più soddisfazioni”

E su Cerci: “Dopo annate così, c’è sempre voglia di riscatto”

JUVENTUS

Si prepara a chiudere la stagione il Bologna di Roberto Donadoni e lo potrà fare di fronte ai propri tifosi contro i campioni d’Italia della Juventus.

Il mister rossoblu presenta così la gara: “Non credo sarà la partita di domani a dare un giudizio alla nostra stagione. E’ importante per il blasone dell’avversario che abbiamo davanti. Per noi è importante fare bene l’ultima in casa, davanti ai nostri tifosi. Non sarà questa partita a cambiare l’iter di un campionato”.

Sulla formazione degli avversari: “Giusto premiare anche il terzo portiere, si sarà sicuramente allenato. Chiunque sarà un giocatore di movimento a scendere in campo sappiamo com’è la Juve, che cerca di esprimersi sempre al meglio e al massimo. Se uno sta bene è giusto che abbia il gusto e la voglia di giocare. Stare 15 giorni senza giocare può anche avere risvolti negativi. Se poi qualche titolare subisce qualche infortunio si dirà che è stato sbagliato. Nessuno meglio di Allegri sa cos’è meglio per la sua squadra. Chiunque giochi saranno giocatori di spessore“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy