Bologna e Toro impattano 1-1. Enigma Var

Bologna e Toro impattano 1-1. Enigma Var

Rossoblù in vantaggio con Di Francesco, Ljaijc risponde con la complicità di Mirante. Nel finale il Var non può rettificare e convalidare una rete del Toro

Dopo il clamoroso ko con il Cittadella il Bologna si riscopre vivo e riconquista una fetta importante di pubblico.

Bologna-Torino finisce uno a uno e i rossoblù strappano applausi nella prima frazione di gioco mettendo alle corte uno spento Torino. Dopo il brivido iniziale con Belotti, colpo di testa di poco a lato, i rossoblù salgono in cattedra e creano come mai si era visto recentemente. Di Francesco colpisce un palo, Verdi ci prova in tutti i modi possibili e Destro appare pimpante come ai tempi belli. Il Bologna gioca, pressa e convince, infatti trova il meritato vantaggio al termine di una azione perfetta iniziata da Pulgar, rifinita da Torosidis e conclusa da Di Francesco con una sassata nel sette. Il Bologna ha il comando delle operazioni ma il Toro trova un insperato pareggio con Ljaijc, il serbo fugge a due avversari e calcia di destro dal limite, Mirante è lento nel distendersi a terra e la palla entra. 1-1 al riposo.

Nella ripresa la situazione cambia, il Toro prende il comando delle operazioni e Ljajic scalda subito i guanti di Mirante su punizione, il portiere dovrà poi salvare sul tap-in di Iago Falque. Proprio l’esterno sfiora la rete di sinistro, Mirante para a una mano, mentre il Bologna si vede solo con un diagonale di Di Francesco di poco a lato. Brividi nel finale, su un rimpallo Belotti si ritrova davanti a Mirante e di sponda serve Rincon per l’1-2. Massa però interrompe l’azione prima della stoccata del venezuelano per un fuorigioco segnalato dal guardalinee. In realtà il tocco incriminato è di un rossoblù e l’offside non ci sarebbe, ma il Var non può rettificare perché Massa ha fischiato ad azione in corso. Sollievo per il Bologna, il punto è conquistato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy