Bologna: 9 giornate per 9 punti

Bologna: 9 giornate per 9 punti

Con la media di un punto a partita da qui alla fine si raggiungerebbe il traguardo fissato dalla società

Ormai è celebre la frase del direttore sportivo rossoblu Bigon sulla stagione in corso: “Un punto in più dell’anno scorso e stappo lo Champagne“.

Questo slogan sicuramente non ha stuzzicato il palato dei tifosi, ma rispecchia quella che è l’organizzazione di una società che vuole trovare la sua stabilità in Serie A, visti gli ultimi anni che hanno visto il Bologna fare più di una volta l’altalena tra la massima serie e quella cadetta.

Prima del doppio exploit con Sassuolo e Chievo in pochi credevano che l’obiettivo fosse possibile, ma calendario alla mano l’impresa non sembra ora così ardua. Dopo le soste con le Nazionali il Bologna in questa stagione non ha mai perso e di fronte avrà la Fiorentina, partita molto sentita soprattutto dalle due tifoserie.

Dopo la trasferta di Firenze mancheranno 8 partite molte delle quali diametralmente opposte: i rossoblu infatti dovranno affrontare sia molti big-match casalinghi con squadre del calibro di Roma, Milan e Juventus oltre alla sorpresa Atalanta a Bergamo, sia compagini di bassa classifica come Empoli, Pescara e Palermo. L’unico avversario  mancante, che finora si è dimostrato di circa pari livello, è l‘Udinese, contro cui il Bologna vorrà riscattare la cocente sconfitta arrivata per mano di Danilo al 93′ nel match di andata.

La pura matematica dice che con una media di un punto a partita il Bologna otterrebbe il suo scopo: ma la forma mostrata dai rossoblu nelle ultime uscite, e la voglia di un colpo contro una big,  potrebbero regalare ai tifosi qualche emozione in più da festeggiare magari con una bottiglia una champagne.

 

Davide Lazzari

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy