Bologna 2.0: Più profondità, meno tiki taka

Bologna 2.0: Più profondità, meno tiki taka

Il segreto del “nuovo” Bologna? Gioco più semplice ma perforante

Ormai il (triste) capitolo Delio Rossi è giunto al termine, e per il Bologna ci sono nuove pagine da scrivere. Per fortuna gli ultimi centottanta minuti con la nuova gestione, sembrano essere alquanto positivi. All’indomani della sfida contro la Roma, inevitabile un confronto tra il Bologna 2.0 di Donadoni e quello precedente.

Salta subito all’occhio come questo Bologna sia più incisivo. Meno passaggi, meno tiki taka, ma più verticalizzazioni, più tiri in porta, e sommando tali fattori il risultato non potrebbe essere diverso da aver ottenuto più goal. Secondo la statistica riportata da Stadio, i rossoblu sono passati dalla media di Rossi con 3,1 tiri in porta a gara (solo una media di 2,5 contro le big) ed una finalizzazione di 1 gol a partita come contro Lazio, Frosinone, Udinese e Juventus, e 2 goal solo contro il Carpi; ad una media di 5 tiri in porta nelle ultime due partite contro Verona e Atalanta e rispettivamente 2 goal e 3 goal segnati.

Ciò che il “nuovo” allenatore deve dimostrare, è che riuscirà ad imporre questo suo modo di giocare anche domani nell’anticipo di campionato delle ore 18:00 al Dall’Ara, e che soprattutto questo suo Bologna riesca a vincere anche contro le big, come la Roma. Anzi, a livello di statistica i giallorossi sono proprio la squadra che fino ad ora ha realizzato più tiri in porta, ben 87 volte, contro le 41 volte dei rossoblu, che dopo il Verona sembra sia la squadra che abbia centrato meno la porta.

Domani a questa prima vera verifica parteciperà anche Joey Saputo, augurandoci che la sua presenza possa essere spronante per i ragazzi e non un motivo di tensione. Un altro dato di grande interesse, è vedere come il Bologna abbia diminuito la media dei passaggi in gara. Di fatti troviamo una diminuzione del 7% a gara, a dimostrazione di quanto abbiamo detto sino ad ora, ovvero che il Bologna attacchi di più ed anche più velocemente, magari con meno precisione ma sicuramente con più profondità. Altro dato a favore di tale tesi è che Destro durante la partita con il Verona ha giocato 7 duelli aerei in zona d’attacco (vincendone 1), 8 contro l’Atalanta. Contro il Carpi invece, ultima partita di Rossi, ne ha avuto solo uno.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy