Bartolozzi: “Calleri primo obiettivo per il Bologna”

Bartolozzi: “Calleri primo obiettivo per il Bologna”

Il commento di Bruno Bartolozzi

Intervenuto a Passione Rossoblù su Radio Nettuno, il direttore di Stadi Bruno Bartolozzi ha affrontato tutti i temi più caldi in quella che è la giornata di apertura del calciomercato.

Si parte dalle strategie di mercato, ovvero di un Bologna che attende senza ansia: “Il Bologna non ha fretta, deve scegliere e farlo bene – ha affermato Bartolozzi – Il club ha investito 15 milioni del bilancio 2015 e 10 dei bilanci 2016 e 2017. Bisogna trovare formule che non gravino troppo sui futuri bilanci”.

Sul mercato in uscita, secondo Bartolozzi la strategia è leggermente cambiata per quanto riguarda Mancosu: “Nella logica di un arrivo di Calleri, si potrebbe cedere Mancosu. La strategia potrebbe dunque essere cambiata. La prima idea del Bologna è Calleri, se non si riesce a prenderlo c’è Floccari e poi Borriello. Se partisse Mancosu, la strategia potrebbe essere rivista”.

Per quanto riguarda il possibile passaggio alla difesa a tre, Bartolozzi la pensa così: “Non è questa la sua ambizione, vuole trovare un punto di riferimento saldo a destra. Se si conferma Rossettini terzino serve un difensore centrale, altrimenti si prende un terzino. Per questo nella trattativa Calleri è stato chiesto Ranocchia oppure Santon”.

Sulle strategie di mercato delle rivali: “Non c’è, rispetto a due stagioni fa, il Sassuolo della situazione che dà gas e fa la differenza. Ci sono aggiustamenti e accorgimenti, ci sono squadre che difficilmente si salveranno. Il Carpi è stato costruito in una certa maniera e non puoi cambiarlo radicalmente a gennaio. Un mercato indovinato del Bologna potrebbe permettere al club di scavare ancora di più un solco sulle rivali”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy