Ballotta: “Rossi l’uomo giusto, richiamo fisico per i playoff”

Ballotta: “Rossi l’uomo giusto, richiamo fisico per i playoff”

Marco Ballotta ha avuto una carriera lunghissima, forse quello che pochi sanno è che, seppur da riserva, con la Lazio ha vinto uno scudetto, due Coppa Italia e una Coppa delle Coppe. Nel 2005 Delio Rossi approdò alla Lazio quarantacinquenne e si ritrovò un portiere quarantunenne, merito della longevità del ragazzo di Casalecchio di Reno. “Delio Rossi è l’uomo giusto per il compito che gli è stato assegnato – ha affermato Ballotta a Stadio – nell’immediato può apparire particolare ma è solo una questione di impatto, un volta conosciuto si mostra per quello che é: una persona affabile”. Marco Ballotta ha conosciuto dunque i metodi di lavoro di Delio Rossi e può testimoniarne l’efficacia, anche se ci vorrebbe più tempo: “Rossi è un grande lavoratore – ha proseguito Ballotta – un allenatore meticoloso capace di tirare fuori il 100% dai giocatori, sa toccare le corde giuste ma è chiaro che per mettere in pratica le sue idee ha bisogno di tempo. Vale per tutti gli allenatori”. Per Ballotta il secondo posto sembra comunque sfumato e sarà importante ragionare in ottica playoff: “Sicuramente sta ragionando su ciò che ha a disposizione, valuterà le condizioni della squadra e credo che, se per il secondo posto non ci sarà nulla da fare, lavorerà anche sulla parte fisica in vista dei playoff. Ho visto la squadra molto sottotono e senza dubbio lo stato di forma è da migliorare”. Un richiamo fisico per l’ex portiere si può fare: “Se si dovessero giocare i playoff si può fare una mini preparazione, il Bologna ha i giocatori giusti per ottenere la Serie A e magari servirà lavorare su alcuni singoli”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy