Bagni: “Higuain? Va raddoppiato, la marcatura a uomo non si usa più”

Bagni: “Higuain? Va raddoppiato, la marcatura a uomo non si usa più”

Le parole di Salvatore Bagni al Corriere di Bologna: “Col Napoli non è chiusa”

Doppio ex della sfida, Salvatore Bagni è stato intervistato dal Corriere di Bologna proprio in vista di Bologna-Napoli di domenica. Higuain, Destro, Gabbiadini e Sarri, questi i temi più caldi affrontati dall’ex consulente di mercato rossoblù.

Si parte dalla forza del Napoli, principale candidata allo scudetto: “Penso che quella di domenica non sia una partita chiusa, il Napoli ha qualità, equilibrio ed è una squadra sicura di sé. Il Bologna non può aspettare come fatto a Torino, però se togliamo quella gara con Donadoni la squadra mi è parsa viva”. Il grande spauracchio è Higuain: “Puoi solo arginarlo con movimenti di reparto o raddoppi di marcatura, a uomo non si marca più. Occorre giocare compatti e togliergli la profondità. Le maggiori difficoltà il Napoli le ha avute a Genoa, bravo Gasperini a non farli ragionare. Gli azzurri amano condurre il gioco ma se non concedi spazi e li aggredisci puoi metterli in crisi”.

Se da una parte c’è Higuain, dall’altra ritorna Destro dopo la squalifica. Ecco il pensiero di Bagni sull’inizio di stagione dell’attaccante: “Non è uno che dribbla tutti e va in porta, è un finalizzatore. Se non c’è un gioco non segna. Non è un caso che sia tornato appena la squadra ha iniziato a giocare”. Quando si parla di Napoli, inoltre, non si può non affrontare il tema Gabbiadini. L’ex rossoblù è chiuso da Higuain: “Sarri lo considera prima punta, il sostituto del Pipita. Deve fare il massimo in Coppa ma capisco che per uno che vuole andare agli Europei è dura”. Chiusura su Sarri, dopo tanta gavetta è approdato in una big, forse con ritardo: “In Italia la gavetta non conta abbastanza per essere considerati all’altezza – ha affermato Bagni – Sarri è riuscito a farsi stimare grazie al lavoro. Higuain ora gioca con il sorriso, e questo fa la differenza”. C’è tempo per una domanda di mercato, gli viene chiesto di Floccari, obiettivo rossoblù per gennaio: “Buona idea, ma non sarà facile prenderlo. Lo avevo cercato anche io quando ero al Bologna, giocatore che dà l’anima”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy