Baccolini: “Saputo in città non per via delle sconfitte. Destro? Non è il salvatore della patria”

Baccolini: “Saputo in città non per via delle sconfitte. Destro? Non è il salvatore della patria”

Le parole di a Sportoday su Rete 7

Intervenuto a Sportoday su Rete 7, Luca Baccolini ha espresso il suo punto di vista sulla situazione del Bologna:

Saputo viene in Italia talmente poche volte che quando arriva sembra sempre un evento – ha affermato – In realtà non c’è nulla di nuovo, trovo normale che arrivi una volta al mese a toccare con mano l’andamento della sua società. Il fatto che stia tornando dopo 7 sconfitte in 9 partite può essere una coincidenza. Se pensiamo che il Sassuolo è tra i peggiori attacchi della Serie A e ha un buon vantaggio sulla zona retrocessione testimonia la mediocrità del campionato. L’Inter stessa, terza, vive un tempo di mediocrità. Il Bologna in questo magma viaggia da tre anni di alti e bassi, stando sempre più o meno lì in mezzo”.

Ancora Baccolini: “Una squadra che parte con l’obiettivo di salvarsi, quando raggiunge 25-26 punti tende a spegnere il cervello. Raggiunto un obbiettivo ci si riposa, si contempla l’opera realizzata. Destro? Non credo che il Bologna abbia perso a Milano per via dell’esclusione di Destro. Non può essere il salvatore dopo averlo criticato per mesi. Destro non ha lo spesso tecnico di altri attaccanti visti qui, va inserito in un contesto specifico. Il suo profilo paga il fatto di essere stato pagato 10 milioni”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy