Pjaca, il talento che Corvino voleva portare al Bfc

Pjaca, il talento che Corvino voleva portare al Bfc

Marko Pjaca, ora sulla bocca di tutti, era nel mirino di Pantaleo Corvino più di un anno fa, quando nessuno lo conosceva.

C’era una volta Marko Pjaca, sconosciuto talento croato che Pantaleo Corvino si era messo in testa di portare al Bologna. Non lo conosceva nessuno, tanto scetticismo attorno ad un nome mai sentito prima e che la Dinamo valutava già sui 10 milioni. “Ma chi è questo qua?” era la domanda classica da portico, ora lo conosciamo tutti e si è scatenata un’asta europea per prenderlo.

E pensare che Pjaca poteva sbarcare proprio a Bologna, un affare quasi fatto ma frenato dall’alta richiesta della Dinamo Zagabria; ora vale più del doppio. Juve, Napoli, Roma, Milan e Inter si contendono un gioiello che a suon di dribbling ha messo in ginocchio la Spagna, un talento che grazie all’Europeo è entrato nelle case di tutti gli appassionati di calcio ma che Pantaleo Corvino aveva scovato prima, quando nessuno neanche lontanamente poteva immaginare le giocate poi sfoderate dal croato in Francia. Sono le sliding doors calcistiche, il Bologna poteva avere in mano un giocatore da plusvalenza concreta oppure un talento con cui far entusiasmare il pubblico e issare il club definitivamente nelle parti alte della classifica. Un peccato non sia andata, però Corvino ci aveva visto giusto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy