Il Bologna resiste per Gabbiadini

Il Bologna resiste per Gabbiadini

Il mercato al tempo della crisi ci regala spunti insoliti: capita anche che i campioni d’Italia in carica abbiano bisogno di attaccanti in forza a squadre che lottano per non retrocedere. Dopo aver sognato per un’estate i nomi di Dzeko, Falcao e Llorente, la Juventus alla fine ha comprato Bendtner. Perso Bendtner per tre mesi ha sperato per qualche settimana in Drogba salvo poi ricordarsi di quei ragazzi mandati in prestito a farsi le ossa in altre squadre. Ieri quindi il direttore sportivo bianconero Marotta ha approfittato della riunione di Lega per parlare con Genoa e Bologna del possibile ritorno anticipato a Torino rispettivamente di Ciro Immobile e Manolo Gabbiadini. In teoria sarebbe stato più semplice convincere gli emiliani che hanno il giocatore in prestito gratuito, piuttosto che trattare con Preziosi che ha speso 4,5 milioni di euro per la comproprietà del suo attaccante. Peccato che il Bologna non sia d’accordo visto che il regolamento gli consente di trattenere fino a giugno quel Gabbiadini aspettato con pazienza fino agli ultimi giorni del mercato estivo. L’avventura di Manolo in rossoblu sembrava iniziata male con parecchie domeniche trascorse in panchina e anche la Juventus non aveva nascosto il proprio disappunto per lo scarso impiego della punta mostrando un’ingerenza negli affari rossoblu che aveva fatto infuriare molti tifosi bolognesi. Pioli però ha saputo aspettare il momento giusto per farlo entrare nei meccanismi della squadra piuttosto che buttarlo semplicemente nella mischia e Gabbiadini ha risposto con tre gol che lo rendono il miglior attaccante rossoblu per rapporto tra minuti giocati e reti segnate. La Juventus (che pur vanta una posizione di forza grazie anche agli affari Motta, Pasquato, Pazienza e Sorensen) per ora ha incassato il veto posto dal Bologna sul ragazzo e sembra orientata a fare un tentativo per Lisandro Lopez del Lione o a tornare alla carica con il Genoa per Immobile. Il club emiliano dovrà invece tenere fede alla linea dura scelta ieri per non dover poi correre ai ripari anche nel reparto avanzato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy