Bologna, problema personalità

Bologna, problema personalità

Il mercato servirà anche per acquistare giocatori di forte personalità

Con l’uscita di scena di Blerim Dzemaili, il Bolona ha visto acuire il problema della mancanza di personalità, aspetto che è mancato un po’ per tutta la stagione.

Per questo Donadoni ha preteso sul mercato l’arrivo di giocatori pronti e con una forte impronta caratteriale, in sintesi: l’arrivo di giocatori con spiccate doti di leadership. In questo momento sono rimasti Mirante, Torosidis, Maietta, Gastaldello e in parte Taider, ma evidentemente non basta. Anche perché uno dei due centrali potrebbe essere ceduto, Torosidis non è un titolare certo così come l’algerino. Ecco allora che l’arrivo dei sempre più vicini Gonzalez, De Maio e Poli va proprio in questa direzione. Giocatori ormai esperti, con carattere, personalità, tutti vicini ai trenta anni e di conseguenza pronti per giocare in pianta stabile titolari o a rappresentare una garanzia all’interno dello spogliatoio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy