Betancourt (Ag. Ramirez): “Gaston vuole tornare in Italia, Bologna sarebbe la sua meta preferita”

Betancourt (Ag. Ramirez): “Gaston vuole tornare in Italia, Bologna sarebbe la sua meta preferita”

Nel corso della trasmissione “Tempi Supplementari”, in onda sul circuito Radio Nettuno – Radio International ogni domenica sera e condotta da Ugo Mencherini e Vittorio Longo Vaschetto, è intervenuto l’agente Fifa Pablo Betancourt, procuratore tra gli altri di Gaston Ramirez. Di seguito l’intervista.

Si aspettava un inizio di stagione così difficile per il Bologna?

“Passare un certo periodo di adattamento è normale, per poi puntare al mantenimento della categoria. Io comunque sono fiducioso, anche per la presenza del nuovo presidente e per la direzione di Pantaleo Corvino, che è un vecchio lupo nel mondo del calcio. Il Bologna merita posizioni importanti in serie A”.

 

Tra i suoi assistiti c’è l’ex rossoblù Gaston Ramirez, attualmente al Southampton. A settembre sembrava che la trattativa stesse per chiudersi, poi non se n’è fatto nulla. Adesso l’ipotesi è tornata di moda: può nascere una trattativa concreta?

“In questo momento ufficialmente non possiamo fare nulla, perché Gaston va in scadenza di contratto nel 2016. L’ultima volta invece avevo l’autorizzazione a trattare, e devo dire che il Southampton si è comportato molto bene. Quasi nessuno sa che Gaston in quest’ultimo periodo ha sofferto molto per alcuni problemi fisici. Quando è arrivato il primo anno, dopo l’esplosione al Bologna, stava bene fisicamente ed è andata abbastanza bene, visto che ha segnato 5-6 gol. La parte più difficile è stata quella dell’adattamento in Inghilterra. Poi per due anni non ha fatto il ritiro, perché ci sono stati le Olimpiadi e il Mondiale in Brasile. Ha avuto problemi muscolari e per guarire ha dovuto rinunciare alla Nazionale e alla Coppa America. Lo ha fatto, dopo 3-4 anni ha riposato veramente. Ora sua moglie è incinta e la coppia sta aspettando il primo figlio. Non è un momento molto propizio per spostarsi, ma lui vuole tornare in Italia e se si parla di Gaston in Italia si deve per forza parlare di Bologna, perché non ce ne sono altre che hanno chiamato”

 

Adesso Ramirez come sta?

“Gaston adesso per fortuna sta giocando e sta giocando bene. Contro il Liverpool è entrato e ha fatto l’assist dell’1-1, per la prima volta dopo qualche anno lui sta bene fisicamente. E’ stata dura la decisione di dire no alla Nazionale, ma non ce la faceva più. Lui è un giocatore molto responsabile, e adesso è al 100% fisicamente”.

 

Potrebbe svincolarsi dal Southampton a Natale? A ottobre ci sono stati ulteriori contatti con il Bologna?

“Quando abbiamo fatto la trattativa, è stata fatta per Abel Hernandez e Gaston Ramirez. Io ho una grande amicizia con Pantaleo Corvino, per quanto riguarda Hernandez sinceramente l’Hull City non lo voleva cedere, mentre per Ramirez l’aspetto fisico e il fatto che ci sia il figlio in arrivo ha portato il Bologna a rifletterci e ad aspettare fino a Natale. Effettivamente a Natale Ramirez si può svincolare. Corvino lo stima. Gaston dovrebbe rinunciare a dei soldi. Ma è solo un fatto di tempo, a Natale può eventualmente partire la trattativa”.

 

Ci sono già nuovi incontri in programma?

“No, visto che per ora non si può parlare ufficialmente fino a Natale, anche per rispetto della società che si è comportata molto bene. Posso però dire che si tratta solo di aspettare questo mese. Su di lui ci sono anche altre squadre italiane. C’è già l’ok perché se il giocatore rinuncia ad alcuni soldi il Southampton lo libera a Natale”.

 

Tra Bologna e Lazio una delle due è in vantaggio? Il giocatore ha preferenze?

“Dopo tutto il tempo che ha passato senza giocare, per lui è molto importante l’affetto della gente. Ogni volta che ha del tempo libero, tra l’altro, torna a Bologna. E’ normale che per ragioni di cuore il Bologna sia nelle sue preferenze, ma bisogna aspettare per vedere come evolverà la situazione. Che voglia tornare in Italia, è chiaro”.

 

Tra i suoi assistiti ce ne sono altri che sono stati vicini al Bologna.

“Attualmente c’è un giocatore molto importante, nato il 28 dicembre 1995, capitano dell’Under 20 uruguaiana, Nahitan Nandez. Il maestro Tabarez lo ha convocato per la terza volta e non lo ha convocato per caso. Mi sta sorprendendo per come cresce giorno dopo giorno. Era una seconda punta, quasi un trequartista, ha fatto tutta la trafila nelle giovanili e in poco tempo Paolo Montero lo ha visto e lo ha messo a giocare centrocampista basso. E’ stata una rivelazione. Adesso in Penarol dice che è incedibile, e ogni volta che lo fa significa che un giocatore è veramente forte”.

 

Quando ci possono essere aggiornamenti su Ramirez?

“Accordi verbali ci potranno eventualmente già essere a inizio dicembre. Sono convinto che a parità di proposte, o anche per cifre leggermente inferiori, lui sceglierà sempre Bologna. Lui non ne fa una questione di soldi, vuole ritrovarsi ed essere un giocatore importante”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy