Abel Hernandez, ostacolo ingaggio

Abel Hernandez, ostacolo ingaggio

Abel Hernandez vuole tornare in Italia, l’esperienza in Inghilterra non lo ha soddisfatto e il desiderio è quello di rilanciarsi in Serie A. Difficile per lui trasferirsi in una squadra di vertice, ma le squadre di metà classifica possono di sicuro farci un pensierino. Delio Rossi lo lanciò a Palermo e Hernandez lo stima come tecnico e come uomo, ma da qui a dare per fatto l’affare ce ne passa. Così, mentre sullo sfondo c’è sempre Okaka (che non si muove dalle sue richieste) Corvino prova a tenere viva la pista Abel Hernandez anche se c’è da tenere in considerazione l’aspetto economico dell’affare. L’Hull City lo ha pagato 12 milioni, tantissimi, di certo il club inglese non vorrà generare una minusvalenza ma può comunque aprire a formule interessanti. Una di queste può essere il prestito oneroso (da un milione di euro) con diritto di riscatto ad una cifra attorno ai 7 milioni. Il nodo però per il trasferimento in Italia del giocatore è l’ingaggio: 2 milioni di euro sono troppi per chiunque, per cui o Hernandez sceglie di decurtarselo oppure non se ne farà nulla. Sotto questo aspetto, il Chievo, che per primo ha cercato il giocatore, si sarebbe già defilato dalla trattativa. I costi sono fuori portata per il club gialloblù.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy