Sconfitta salutare

Sconfitta salutare

Un Bologna disastroso prende 5 gol a Torino, per fortuna con il mercato aperto.

Non cambio idea, penso che l’impronta di mercato sia buona, basata sui giovani, sulla crescita, su Destro là davanti. Va bene, ci sta, per la salvezza. Quello che stride è che, nonostante la differenza di livello tra le due squadre – Toro da Europa League – il Bologna è sostanzialmente uscito dal campo, evidenziando una crisi difensiva che l’anno scorso non c’era. Se Maietta fosse un giocatore da 40 partite all’anno probabilmente la coperta sarebbe sufficientemente lunga, ma in queste condizioni è evidente che un rinforzo difensivo sia la prima cosa da cercare da stasera. Il tutto senza uscite, perché lo scambio Cherubin-Helander sposta poco, il Bologna non prende un titolare indiscusso e numericamente rimane lo stesso.

Poi certo, dopo un 5-1 tutto il mercato entra sotto accusa, ora tutti potrebbero richiedere l’arrivo di un mediano, di un’altra punta, di un terzino, di un’ala, insomma…una rivoluzione. Occorre non farsi trascinare dal risultato, nel primo tempo la partita è stata equilibrata e sostanzialmente è stata decisa da due erroracci di Oikonomou, con la complicità di un disimpegno errato di Rizzo e di una mancata copertura di Masina. La sensazione è che con Dzemaili a pieno regime il centrocampo possa tenere, anche perché non dobbiamo dimenticarci di Donsah ora infortunato. Errore anche per il mister che ha esposto la difesa alle intemperie togliendo Taider. E’ crollata la diga, a quel punto Pulgar non poteva più reggere da solo il centrocampo.

Ma riguardare la partita serve a poco, se non per capire che il mercato non può considerarsi concluso. Bene a questo punto l’innesto di Torosidis, terzino affidabile, servirebbe una seconda punta ma arriverà Sadiq (fermo restando che una riflessione su Verdi andrebbe fatta) mentre il vero cruccio è la zona centrale di difesa. Attenzione, si ragiona per l’obiettivo del Bologna, ovvero la salvezza. Se si pensa a qualcosa in più allora servirebbe un rinforzo buono per reparto, ma questa è la stagione del risparmio. Ad ogni modo, se doveva arrivare un 5-1 meglio ora, al 28 agosto con 3 giorni a disposizione per non disperdere i segnali arrivati da Torino. L’errore grave, rimarcando comunque l’onesto mercato del Bfc, sarebbe non accorgersi della carenza. Stiamo parlando di una mancanza sanabile se i dirigenti, ora, guardassero in faccia la realtà. Non disastrosa, ma neanche del tutto serena.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy