Non distraiamoci, muoviamo la classifica

Non distraiamoci, muoviamo la classifica

Manuel Minguzzi speaker di Alma Radio (www.almaradio,it)

Mettiamo da parte il mercato, l’aumento di capitale, la vicenda Portanova e le contestazioni. Perchè oltre a tutto questo domenica c’è una partita importante e delicata da affrontare. Il Bologna arriva da due sconfitte consecutive, una di queste in coppa Italia, mentre l’altra invece è arrivata a Milano contro il Milan, tutto sommato niente di grave; soprattutto se consideriamo il fatto che la distanza dalle ultime tre è rimasta invariata. Il Genoa ha però cambiato allenatore e potrebbe risalire. I rossoblù sono a quota 21 punti dopo 21 giornate, esattamente un punto a partita. In teoria potrebbero anche bastare ma è meglio non rischiare. Per questo è necessario riprendere la marcia in campionato già contro la Roma. Abbiamo dimostrato di saper battere i giallorossi (ringraziamo Zeman per i regali concessi all’andata) ma ovviamente adesso è tutto diverso: la Roma sta meglio e gioca meglio, ma anche il Bologna (se non si schierano le riserve). L’assenza per squalifica di Lamela è sicuramente una buona notizia, passatemi la battuta: potrebbe esserlo anche quella di Pazienza. Sicuramente mancherà anche De Rossi (non brillantissimo nel posticipo con l’Inter) e al suo posto, e questa forse si che è una cattiva notizia, giocherà Pjanic, giocatore secondo me di un’altra categoria e che sicuramente avrà nel suo futuro un top club europeo. Detto questo, e ovviamente premesso che la partita sarà molto difficile, gli uomini di Pioli non dovranno avere paura e scendere in campo consapevoli che qualche punto lo si può mettere in saccoccia. Chiaramente la settimana sarà stata stressante e faticosa, con non poche distrazioni, ma spero che il mister sia riuscito a tenere alta la concentrazione della truppa. Uno zero sarebbe deleterio perchè ti ritroveresti a giocare lo scontro diretto col Pescara con addosso una pressione enorme, e per giunta in trasferta. Successivamente, il calendario è altalenante: Siena in casa ma poi Catania fuori e Fiorentina al Dall’ara. Tutti match delicati. Per questo è meglio muovere la classifica fin da subito per non ritrovarci con l’acqua alla gola, e scoprire che potremmo non saper nuotare.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy