Non crediamo alle congiure di palazzo, anche se in futuro Saputo potrebbe dar fastidio

Non crediamo alle congiure di palazzo, anche se in futuro Saputo potrebbe dar fastidio

L’esame di Donadoni è stato segnato per Domenica 6 Dicembre alle ore 12:30. E’ proprio nella prossima partita di campionato contro il Napoli che l’allenatore rossoblu dovrà mettere in atto tutte le mosse adatte a bloccare gli azzurri e dimostrare che i suoi giocatori sono in grado di farlo. Il Napoli, in seguito alla vittoria contro l’Inter, può respirare l’aria pulita della vetta solitaria della classifica. Non accadeva da 25 anni.

Donadoni una ventina di giorni fa ha rilasciato a Stadio un’intervista, dove oltre ad elogiare il proprio gioco, si riteneva piacevolmente colpito dalla capacità di Sarri di tracciare in poco tempo delle linee di gioco ben definite. Ed è proprio il gioco dei rossoblu che bisognerebbe (ri)trovare per la partita di Domenica. Quel gioco che aveva subito distinto Donadoni dall’ex Rossi, e che il Bologna sembra un po’ averlo perso nell’ultima partita.

Il Bologna, dovrà affrontare quello che è stato definito dall’allenatore azzurro il “nuovo Messi o Ronaldo”: Gonzalo Higuain. Il ‘Pipita’ sembra possa essere paragonato a Maradona, venerato dalla piazza per i suoi 12 goal in 14 partite, un Higuain che ha portato i napoletani soli in testa alla classifica come non lo erano dal campionato dell’89/90, quando vinsero poi lo scudetto con ‘Il pibe de oro’ in campo.  Una Napoli che sembra fare molto bene anche allo stesso Pipita che non aveva mai avuto una media così alta in carriera. E il fatto che il Bologna sia quasi obbligato a riprendere la marcia proprio contro la capolista non fa dormire sonni tranquilli ai tifosi rossoblù.

Tornando nella zona bassa della classifica, prima della sosta natalizia ci sono numerosi scontri diretti che forse potrebbero aiutare a delineare il quadro della zona retrocessione. Messa così, sarebbero una decina le squadre a rischiare di essere inghiottite nella zona rossa. Persino le insospettabili Samp e Genoa ne farebbero parte (sono solo a +3 dal Bologna e quindi al terzultimo posto), quest’ultima poi, prima e dopo i rossoblu, deve affrontare squadre come Inter e Roma. Domenica invece è presente uno scontro diretto interessante tra Frosinone e Chievo. Invece, la squadra che per le prossime tre partite è forse più avvantaggiata è l’Empoli, in quanto dovrà scontrarsi con squadre attualmente in di bassa classifica ovvero Verona, Carpi e Bologna. D’altronde, è ancora presto per segnare la sorte di questi club, il campionato è ancora lungo, ci sono ancora tanti minuti da disputare e tanti punti da guadagnare.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy