Mercato complicato, forse più del previsto

Mercato complicato, forse più del previsto

Chi si aspettava una sequela di annunci di nuovi giocatori pronti a vestirsi di rossoblù sarà rimasto deluso, anzi, non solo Corvino non ha fatto nomi (ha solo detto ‘due giocatori hanno sposato la nostra causa, li aspetto’) ma ha addirittura posto fine all’infinita telenovela Defrel, la quale ora continuerà per altre società. Il giocatore non ha mostrato entusiasmo verso questa destinazione, ecco perché Corvino ha deciso di chiudere la faccenda. Diciamo che Defrel si fa desiderare, ma nessuno sa cosa voglia realmente. Probabilmente finirà al Sassuolo, affronteremo lui e Duncan alla seconda di campionato, con la speranza che i rossoblù vincano il match grazie alle reti della nuova mezzala e della nuova seconda punta. E’ la dura realtà del Bologna che si ritrova immerso in un calciomercato costoso, duro, con società che mettono i bastoni tra le ruote e un budget al momento contingentato, senza nessuna deroga o sforamento. Il direttore sportivo ha ammesso il ritardo con cui questo Bologna si affaccia al mese di agosto, quello in cui la dirigenza (e soprattutto l’allenatore) si aspettava almeno una rosa completa all’85%, lasciando quel quindici libero dalle catene per il colpaccio finale del 30 agosto. Invece qui di completata c’è si e no mezza squadra, poco, pochissimo per stare tranquilli. 

 

Un po’ di preoccupazione c’è, non che mi aspettassi due annunci in conferenza ma il fatto che fossimo vicini alla chiusura di un paio di trattative sì. Magari la situazione è realmente questa e Corvino, giustamente, ha preferito non lasciare tracce, ma quando un direttore sportivo ammette candidamente il ritardo nella costruzione della rosa, significa davvero che la situazione non è delle migliori. Si aspettano sul serio i saldi, se non altro perché alcuni giocatori (Defrel e altri) non sembrano così attratti dalle prospettive bolognesi. La linea del Bologna è chiara: chi non accetta con entusiasmo di venire nel Bologna può restare li dov’è. C’è un’altra filosofia da cui non si transige: chi non rispetta il Bologna non farà affari con noi. Questo è il caso del Porto che avrebbe cambiato le carte in tavola nella trattativa per Quintero, con il giocatore che invece era prontissimo a vestirsi di rossoblù. Su questi due punti Corvino ha ragione a proseguire, anche se, occorre ammetterlo, se si ritroverà tra un paio di settimane ancora in alto mare nel completamento della rosa, dovrà per forza tapparsi il naso e portare avanti qualche trattativa. Non lo dico io, lo ha ammesso più o meno chiaramente lui stesso in conferenza. 

 

Occorre dunque restare calmi, lasciare che uno dei direttori sportivi più bravi d’Italia porti a compimento questa ardua missione in vista del nostro ritorno in Serie A. Probabilmente ci siamo convinti che le cose sarebbero state facili e che la squadra sarebbe stata costruita in un batter d’occhio, invece la realtà è un’altra, il sogno dei colpi di mercato messi sull’album come le figurine deve lasciare spazio al risveglio brusco di un calciomercato ancora tutto da decifrare ma che in un modo o nell’altro dovrà essere completato. L’obiettivo è il consolidamento della categoria, la salvezza tranquilla, quattro pedine adatte al raggiungimento del target sono state prese ma non basta. Anche Corvino non si aspettava di essere così indietro a questo punto dell’estate, forse abbiamo la conferma che fare qualcosa di importante a Bologna è intrinsecamente difficile. Tutto qui è più complicato, lo sappiamo. E’ sicuramente un momento di leggera tensione, ma sono sicuro che tra un mese esatto vivremo emozioni opposte e ci prenderemo la nostra soddisfazione contro i rivali del Sassuolo. Ricorderemo la conferenza stampa di Corvino come quella in cui tutto ci sembrava grigio esattamente come il cielo di Bologna ieri, chissà invece che il 22 agosto a Roma non ci sia un bel cielo splendente a far da cornice al nostro competitivo Bologna che se la giocherà ad armi pari con la Lazio. Ho fiducia in questa dirigenza, si può ancora ritornare sulla rotta giusta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy