Guaraldi faccia chiarezza (e chieda aiuto)

Guaraldi faccia chiarezza (e chieda aiuto)

Manuel Minguzzi speaker di Alma Radio (www.almaradio.it)

Le parole pronunciate da Daniele Portanova ieri ad un gruppo di tifosi presenti a  Casteldebole “Il presidente mi ha tolto dal mercato, ora però si chiuda questa storia.  Perchè se va avanti racconterò la verità” rimbomberanno parecchio nelle stanze dirigenziali,  tra il tifo e per le vie della città. Tradotte, potrebbero (usiamo il condizionale) suonare  più o meno cosi: io voglio restare ma la società invece vuole cedermi. Dunque, perchè una  società dovrebbe privarsi del suo difensore titolare (non sempre perfetto nelle ultime  prestazioni) cedendolo ad una squadra in crisi nera e diretta concorrente? Aggiungiamoci  anche le dichiarazioni dell’agente del giocatore a Sportitalia “Il Bologna deve fare  chiarezza perchè non sappiamo se il giocatore è cedibile o meno” le quali sembrano confermare la traduzione poco sopra. Insomma, parliamoci chiaro, l’impressione è che il Bologna stia cercando di monetizzare. Punto. Quello che possiamo chiederci è: perchè? Non ci sono soldi forse? Pare proprio di si. Il problema però è che non solo non ci potrebbero essere liquidi per il mercato (pazienza, non compreremo nessuno) ma si corre il rischio di  essere in difficoltà anche per quanto riguarda la gestione, chiamiamola ordinaria, del club. Su questo è stato Carlo Vico ad aprire uno squarcio sulla situazione finanziaria della società lunedi sul nostro portale, oltre, bisogna dirlo, ad un commento positivo riguardante i risultati ottenuti durante la gestione nonostante passività pregresse. Ne riporto qui una frase significativa: “L’aumento di capitale, di recente deliberato, serve unicamente per coprire i costi  fino alla fine del campionato, con buona pace di tutti coloro che si aspettano un mercato di gennaio scoppiettante”. Se è vero il fatto che l’aumento di capitale deve coprire i costi da qui  alla fine della stagione, significa che la società non gode certo di buona salute. Soprattutto questo aumento è stato solo deliberato ma non sottoscritto, quindi non è sicuro che avvenga. Dobbiamo forse pensare che la possibile cessione di Portanova serva solo ed unicamente a coprire buchi di bilancio? Spero vivamente di no. In conclusione. Se tutte queste problematiche hanno un fondo di verità è ora che il presidente faccia chiarezza. Se non vuole farlo con i tifosi o con la stampa lo faccia con i suoi più stretti collaboratori e con i soci prima che il vaso venga scoperchiato, prima che si vengano a sapere (eventuali) difficoltà finanziarie per vie traverse. Nel caso, se ce ne fosse bisogno, non sarebbe un disonore chiedere aiuto a qualcuno. Ad una persona che si era resa disponibile a dare una mano (Zanetti?) e che non credo si tirerebbe indietro.  Prima che sia troppo tardi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy