Calmi tutti, si gioca

Calmi tutti, si gioca

La settimana calda di Casteldebole (in effetti i primi refoli di primavera si stanno palesando) non è culminata certo a tarallucci e vino. Infatti, durante la conferenza stampa di ieri, il tecnico Diego Lopez ha voluto precisare un paio di cose relative alla vicenda del presunto litigio tra lui e Abero. Anzi, ha proprio smentito si sia trattato di un battibecco. Ora, ognuno ovviamente tira l’acqua al suo mulino, i giornalisti che hanno pubblicato la notizia e Lopez che vuole smentirla, ma resta il fatto che questo clima da polemica – per una squadra seconda in classifica – appare un po’ esagerato. Chiaro, anche io ho sottolineato duramente le difficoltà di questo Bologna, ma un conto è obiettare su alcune scelte tattiche del mister, altro creare nell’ambiente quella tensione da squadra sull’orlo di una crisi di nervi. Sembra che il Bologna stia per retrocedere, invece è secondo e con alle spalle sette risultati utili consecutivi. Ecco, una settimana per Lopez tranquilla ma che qualche grattacapo l’ha dato, può concludersi in due modi: o la squadra reagisce e dimostra a tutti di che pasta è fatta, oppure l’aspetto mentale verrà meno andando incontro a sconfitta certa. Ora, siccome uno dei pregi di Lopez è sicuramente l’approccio alla gara, difficilmente negativo, penso che i ragazzi seguiranno la prima via sfoderando una prestazione utile a zittire tutti i critici apparsi recentemente. 

 

Inoltre, proviamo a vedere il pareggio contro la Ternana come una sconfitta, nel senso che, quel punticino, è sparito per via della penalizzazione. In sostanza: il Carpi ha allungato in vetta. Basterebbe questo a rendere la sfida di domani a senso unico, da una parte una squadra in cerca di salvezza ma reduce da un periodo positivo, dall’altra la formazione più forte del campionato con la missione importante di ritornare a vincere per non perdere il treno buono. Ricordiamoci, tra l’altro, che il Carpi giocherà in casa con l’Entella mentre Livorno e Avellino saranno impegnate nello scontro diretto. Serve vincere, lo sa Lopez, lo sanno i giocatori e, soprattutto, lo sa il Cittadella. 

 

Proviamo dunque a concentrarci sul campo, davanti a mille tifosi fantastici che renderanno il Tombolato uno stadio di casa. La partita non sarà in discesa ma è l’ideale per riscattarsi, perché lontano dalla tribuna del Dall’Ara e da chi è troppo propenso alla critica pesante durante le partite casalinghe, il Bologna potrebbe ritrovare serenità nonostante il clima sia irrequieto. In tutto ciò, sarà necessario verificare la tenuta mentale di chi, al momento, non gioca.. Non penso che Zuculini abbia molta voglia di stare in panca. Per il momento, però, proviamo a non pensarci, se il gruppo è unito lo dimostrerà oggi in uno stadio da Interregionale. Probabilmente il Bologna vincerà e convincerà, potendo finalmente prendersi la rivincita su chi difficilmente si accontenta. Tanto per i critici è sempre colpa dell’allenatore per l’allenatore è sempre colpa dei critici. Da questo circolo vizioso non si uscirà mai.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy