Pecci: “Ora il Bologna dovrà diventare squadra”

Pecci: “Ora il Bologna dovrà diventare squadra”

Eraldo Pecci è sempre diretto nelle sue opinioni, non si nasconde e non le manda a dire. Se c’è da criticare critica, se c’è da applaudire applaude. Il Bologna è una squadra giovane, tanti giocatori hanno più o meno la stessa età di quando Pecci si fece conoscere al grande calcio. La politica dei giovani improntata dalla società è attraente, ma per Pecci ora serve il gruppo, la capacità di remare tutti dalla stessa parte: “Noi nel 1989 perdemmo sei delle prime otto partite, poi ci salvammo – ha affermato Pecci al Carlino – il futuro di questa squadra ora dipende dalla capacità del gruppo di diventare squadra. Il mercato si è chiuso, ora servono lavoro e punti”. Anche per Pecci, però, la mancanza di qualche uomo di esperienza potrebbe farsi sentire: “Anche il Toro ha adottato una politica giovane ma affiancati da un gruppo consolidato di giocatori esperti, a Bologna si è dovuto costruire tutto in una volta e i rischi sono maggiori. Adesso l’importante è dare credito a questa squadra, sapere che i giovani possono sbagliare. Se credi in loro verranno fuori”. La mancanza di uomini di esperienza Pecci la spiega con un paragone: “Pogba l’anno scorso vinceva le partite, ma aveva di fianco Tevez, Pirlo e Vidal, quest’anno fa più fatica. Ai giovani, per quanto forti, servono le guide”. Inevitabilmente si torna al solito discorso, la mancanza di un elemento che funga da leader. E qui il nome è uno solo: “Non mi sarei mai privato di Matuzalem – ha ammesso Pecci – specie dopo quello che ha dato nella volata promozione. Si possono comunque creare dinamiche che permettano la nascita di una nuova guida, sotto questo profilo potrebbe essere determinante il rientro di Gastaldello”. Un giudizio anche sulle prime due partite: “Con il Sassuolo la squadra ha tirato in porta una sola volta su punizione ma ha strappato applausi, anche di critiche mi pare di averne lette poche. C’è una società forte alle spalle e la consapevolezza che il gruppo era incompleto, in un altro contesto ci sarebbe stata meno comprensione”. Si chiude sui singoli e sui giocatori che Pecci reputa più futuribili: “Diawara mi fa impazzire, Masina e Crisetig hanno grandi margini di miglioramento. Anche Donsah ha ottime qualità”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy