Pagliuca: “Saputo a Bologna? Abbiamo fatto tredici”

Pagliuca: “Saputo a Bologna? Abbiamo fatto tredici”

Samp-Bologna è anche la partita di Gianluca Pagliuca, 7 stagioni a Genova e altrettante a Bologna. Chi meglio di lui può commentare la sfida di Marassi. L’ex portiere ora coordina il lavoro dei futuri estremi difensori presenti nel vivaio rossoblù, ma il ‘gatto di Casalecchio’ è anche colui che può raffrontare la Samp di Mantovani con il Bologna di Saputo: “Questo Bfc mi sembra abbia qualcosa di quella Sampdoria – ha affermato Pagliuca al Carlino – Mantovani costruì un gruppo tassello dopo tassello mentre qui la rivoluzione l’hanno dovuta fare in un colpo solo, ma il talento secondo me c’è tutto”. Quattro punti di differenza in classifica, a detta di Pagliuca, sono troppi: “Penso che la classifica non corrisponda al vero, con il Sassuolo il Bologna avrebbe meritato il pari. Essere pronti subito era impensabile, il campionato del Bologna inizia a Marassi”. L’ex portiere si dice soddisfatto anche dei giovani arrivati, secondo lui l’esperienza, inoltre, non manca: “Finalmente abbiamo guardato al futuro, che appartiene a chi ha il coraggio di investire sui giovani. E poi ci sono Mirante, Gastaldello, Maietta, Brighi e Brienza. Ci aggiungo anche Taider che a 23 anni si può definire giovane esperto”. Ci sono poi Giaccherini e Destro, la ciliegina sulla torta: “Destro ha 24 anni e rappresenta il futuro, sia lui che Giaccherini possono tornare in Nazionale e glielo auguro, ma prima viene il Bologna. Vestiranno di rossoblù solo se prima penseranno al bene della squadra”. Samp-Bologna è anche la sfida tra i patron: “Qui a Bologna con Saputo abbiamo fatto tredici, con uno così alle spalle alla lunga le partite le vinci”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy