Meghni: “Mi sono cullato sul mio talento, a Bologna si stava bene”

Meghni: “Mi sono cullato sul mio talento, a Bologna si stava bene”

Mourad Meghni venne qui con lo scomodo soprannome di “nuovo Zidane”. Di origini algerine Meghni dimostrò di avere talento ma non riuscì pienamente a sfruttarlo, tant’è che la sua carriera non è mai decollata definitivamente dopo l’addio, forse prematuro, al Bologna. A distanza di tanti anni, Meghni, a 31 anni, ha deciso di cimentarsi con il Futsal: “Mi avevano proposto di andare in Australia o di giocare in categorie inferiori – ha ammesso Meghni a Dimarzio.com – ma ho fastidi alle ginocchia e se non posso giocare nelle categorie superiori vorrei farlo in Algeria. Ora gioco a futsal e sono tornato ad una vita normale”. Meghni si mise in mostra proprio nel Bologna, poi andò alla Lazio: “Bologna mi sembrava la scelta giusta, la migliore per me. Non l’ho fatto per soldi, lì andava tutto bene, ho giocato presto e non mi sono mai sentito così bene come un quella città. Purtroppo mi sono cullato sul mio talento e dopo un’ottima stagione a Bologna firmai con la Lazio. Avrei potuto fare un percorso nettamente migliore, rimpiango di non essermi affidato ad un agente italiano”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy