Emozioni Primaverili

Emozioni Primaverili

La Primavera in finale al Viareggio dopo 46 anni, da esempio di un fallimento progettuale a emozionante cavalcata: il club investe sui giovani e si vede

di Manuel Minguzzi, @manuel_minguzzi

E Bologna riscoprì la Primavera, e non parlo dell’insolito caldo clima di marzo.

Presa da riferimento un anno fa per sancire i fallimenti della gestione sportiva made in Canada, Troise e i suoi incapparono nella retrocessione dal campionato 1 a quello 2, a distanza di un anno la squadra ha capovolto il mondo sotto i suoi piedi. I ragazzi rossoblù, per noi saranno sempre ‘cinni’, hanno conquistato la finale del torneo di Viareggio dopo 46 anni di digiuno, in una cavalcata trionfale fatta di 5 vittorie in 6 partite, l’ultima, la semifinale di ieri, è stata vinta ai rigori. E’ la rinascita del progetto giovani del Bologna, passato per mesi sotto silenzio e salito alla ribalta solo grazie a questo torneo che ha permesso alla squadra di Troise di prendersi le prime pagine dei giornali (non tutti). Fino a qui, la Primavera veniva di fatto solo menzionata per accezioni negative, soprattutto sui social, con l’intento di dimostrare l’inadeguatezza sportiva dell’attuale proprietà del club, mentre ora viene esaltata come se si fosse di fronte a un miracolo sportivo improvviso, quando non è affatto così. Bastava sfogliare e leggere i risultati del Settore Giovanile rossoblù per capire che il vento stava cambiando.

LA FELICITA’ DEI RAGAZZI DI TROISE NELLO SPOGLIATOIO

E allora, in contemporanea ai meritati e doverosi applausi ad una Primavera vincente e convincente (finale al Viareggio e primo posto in solitaria in campionato), c’è tutto il mondo a cascata, quello che sta risalendo grazie agli investimenti del club. Gli Under 17 sono quarti nel campionato nazionale, gli Under 16 idem, mentre gli Under 15 sono addirittura primi: in sintesi, dalla Primavera in giù il Bologna non è mai sceso oltre il quarto posto nei campionati disputati. E mentre un anno fa si dibatteva su una Primavera retrocessa e allenata da un tecnico a detta di qualcuno impresentabile, il club lavorava sugli investimenti per rilanciarsi e rilanciare un settore giovanile che ha come scopo principale non le vittorie ma la costruzione di giocatori da prima squadra. E la percentuale è bassa, ad ogni ciclo se si trovano due elementi si fa festa. Così, mentre la Primavera lanciava Okwonkwo e Kingsley, in campo arrivavano risultati poco soddisfacenti ma con la consapevolezza che il futuro sarebbe stato diverso. E così è andata. Un anno fa c’era la gara sui social per esporre la Primavera al pubblico ludibrio, oggi si registra la finale di Viareggio, un torneo passato sotto silenzio fino a pochi giorni fa. In tutto questo, i complimenti vanno al responsabile Daniele Corazza che in questa stagione si sta prendendo importanti soddisfazioni e, per una volta, ai media che ne hanno parlato. Tra questi, noi di Tbw che regolarmente pubblichiamo i risultati del Settore Giovanile e Radio1909 che ogni settimana dedica una trasmissione dedicata e ha trasmesso la radiocronaca in diretta dei match del Viareggio. La Primavera di Troise, con i suoi Rabbi, Cossalter, Stanzani, Militari ecc. è la dimostrazione che anche a Bologna si può fare calcio perbene. Per qualcuno può essere una sorpresa, per altri no…

TI POTREBBE INTERESSARE:

IMPRESA A VIAREGGIO: IL BOLOGNA IN FINALE DOPO 46 ANNI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy