Che bravo questo Var, sarebbe da comprare…

Che bravo questo Var, sarebbe da comprare…

Il Bologna espugna Benevento grazie a Donsah e al Var: come è migliore il calcio così

La vittoria del Bologna a Benevento non è certo meritata, ma è stata legittimata dall’assistente elettronico. Il Var ha fatto il suo dovere e riassegnato tre punti ai felsinei, quasi sfumati al 53′ minuto della ripresa con il classico gollonzo made in rossoblù. Sugli episodi oggettivi l’aiuto della tecnologia, oltre a rendere più equo il campionato, elimina di fatto tutte le polemiche dietrologiche del caso. Lucioni è in fuorigioco? Si annulla nel tempo di 120 secondi. Sollievo per il Bologna e per i suoi tifosi, ormai rassegnati al classico pareggio nel finale al termine di una brutta partita, con tre infortuni più quello dell’arbitro che ha portato addirittura a otto minuti di recupero. E il Bologna ovviamente aveva subito il pareggio all’ultimo secondo…Se fossi in Bigon farei una offerta per questo Var.

Battute a parte, andiamo sulla partita. Il Bologna ha giocato male, ha patito il caldo, i ‘vecchietti’ si sono infortunati e il migliore in campo è stato Mirante, ma questi tre punti valgono tanto se si considera l’avversario diretto, la non qualità del gioco e la prestazione complessiva generale. Il Bologna ha vinto da big, si dice in questi casi. Qualche spunto interessante, però, si può portare a galla. L’assenza di Pulgar a centrocampo si è vista, il cileno non è un fenomeno ma fa girare la palla, e la manovra del Bologna al Vigorito quasi non è esistita. Avrà tanti difetti, ma le differenze in fase di possesso rispetto a sette giorni fa si sono percepite. Dietro, perso Maietta, Donadoni può contare su un Helander solido e su un De Maio tutto sommato accettabile. In mediana, Taider ha i soliti limiti con la palla tra i piedi però fornisce equilibrio a tutta la squadra ed è quello che serve a Donadoni. Poli, come già si sapeva, porta con sé un quintale di personalità e pur non essendo Dzemaili si è rivelato un acquisto azzecatissimo. In avanti, spento Verdi, Di Francesco ha sfornato qualche giocata interessante mentre Destro si è divorato un gol già fatto. E questo speriamo non diventi un problema. Ho lasciato volutamente per ultimi i due elementi cercati dal mercato. Masina ha forse giocato la miglior partita a Bologna da qualche mese a questa parte, mentre Donsah ha siglato il gol vittoria. Insomma, se prima uno valeva 8 e l’altro 5, adesso la valutazione sarà aumentata. Scherzi a parte, fossi nel Bologna non mi priverei dei due, spronando invece Donadoni a far crescere uno e esplodere definitivamente l’altro: sono elementi del Bologna e come tali vanno valorizzati. Infine, non è da sottovalutare il fatto che all’infortunio del ghanese il tecnico abbia preferito Crisetig al posto di Nagy. Un giocatore mai utilizzato fin qua – e perennemente messo sul mercato – ha superato nelle gerarchie un investimento importante del Bologna. Come mai?

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Danilo - 3 mesi fa

    Ieri Buffon si lamentava del VAR “Non è che adesso ogni contatto in area è rigore, altrimenti diventiamo come la pallanuoto”. Si vede che gioca nella Juve da 20 anni, perché per noi è sempre stato così.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy