Bologna, occhio ad Antenucci

Bologna, occhio ad Antenucci

L’attaccante, partito come riserva a inizio stagione, ora è un titolare fisso: è lui a far girare gli spallini

Tutti gli occhi sugli attaccanti più quotati, Floccari, Borriello – i due difficilmente saranno titolari – e Paloschi, ma il vero punto fermo della Spal è diventato Mirco Antenucci. L’ex Leeds, dopo essere stato ad un passo dalla cessione in estate, la Spal lo avrebbe ceduto all’Empoli, ha deciso di giocarsi le proprie carte in Serie A, e ha fatto bene. Perché dopo essere partito riserva, Antenucci si è guadagnato con il lavoro la maglia da titolare. E’ lui il regista occulto della squadra, quello che consente ai compagni di avere uno sbocco nella manovra. Non è un bomber, ma svaria su tutto il fronte offensivo un po’ come Palacio, liberando spazio, con i suoi movimenti, ai centrocampisti e agli esterni.

Non è la prima punta a far salire la squadra e a farla girare, ma Antenucci. Lui arretra, dialoga con i compagni e libera spazio al collega di reparto. E’ il primo sbocco offensivo della squadra, prima che da Viviani, la Spal passa da Antenucci e dai suoi movimenti. E’ l’uomo che consente ai ferraresi di giocare in verticale e muovere le difese avversare, un movimento che premia i compagni di Antenucci con 0.55 assist a partita. Non segna, ma fa segnare per chi sa coglierne le movenze. Tra i punti di forza della squadra ospite c’è sicuramente Antenucci, il Bologna dovrà tenerne conto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy