Una pioggia di buone notizie, aspettando il sereno dell’estate

Una pioggia di buone notizie, aspettando il sereno dell’estate

in collaborazione con il blog Iveritifosidibologna.club

Il destino di una squadra di calcio si può decidere in pochi giorni. Sono bastate due sole partite per cambiare la rotta tracciata dal Bologna, quelle contro Bari e Catania, avversarie che ad inizio anno erano date come squadre ammazza-campionato, mentre ora navigano nelle acque di metà classifica. 

Cominciamo dalla trasferta in terra pugliese. La prestazione offerta dall’undici di Lopez è stata encomiabile. Voglia di mettersi in mostra, entusiasmo e spirito giusto hanno rappresentato i punti di forza, emersi a mio modo di vedere anche a causa del timore di perdere il secondo posto. 

Eppure la sfida contro il Bari ci ha lasciati contenti a metà. Lo squallido teatrino andato in scena al 35’ minuto del primo tempo – rigore per il Bari e rosso diretto per un ingenuo Maietta, con tanti dubbi e polemiche in merito –  ha sconvolto l’inerzia della gara, anche se il Bologna non si è lasciato travolgere e per la prima volta in stagione ha potuto addirittura recriminare di aver perso due punti.

La pioggia di notizie positive intravista al San Nicola è scesa con forza durante la sfida interna contro il Catania. Al di là del clima avverso, probabilmente responsabile del black out andato in scena attorno al 70’, i rossoblu sono scesi in campo consapevoli della propria forza e hanno stroncato sul nascere ogni velleità etnea. Il ritorno al gol di Cacia e la classe indiscutibile di Sansone hanno fatto il resto. Se poi, guardando lo scacchiere iniziale, troviamo i nomi di due giovani bolognesi classe 1994 come Ferrari e Masina (ottima la prova da parte di entrambi), ecco che possiamo sorridere e vantare di avere in mano il cartellino di due splendide realtà nel panorama calcistico nazionale.

In questa slavina di buone notizie troviamo tuttavia due incognite, strettamente connesse tra loro e da cui dipenderà il finale del campionato. La prima riguarda noi, la seconda riguarda gli altri. Riusciremo a mantenere questa determinazione e questa autostima nelle rimanenti quattro giornate? E poi, Vicenza e Frosinone faranno un passo falso, tale da garantirci un inserimento prorompente al secondo posto che vale la serie A diretta? Il dato certo è che abbiamo la possibilità di tagliare fuori la squadra laziale dalla corsa alla promozione diretta già nel prossimo turno, quando il cartello delle sfide prevede un decisivo Frosinone-Bologna. Per il resto, confidiamo nel fatto che la pioggia rossoblu cada ancora per qualche settimana, in modo tale da poterci godere la calura e il sereno di un’estate da neopromossi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy