Mercato equilibrato, ora tocca ai senatori guidare questo gruppo

Mercato equilibrato, ora tocca ai senatori guidare questo gruppo

~~Non ci sono stati particolari colpi di scena nelle ultime ore del mercato rossoblù, se non le ufficialità degli arrivi di Giaccherini e Taider, già dati per certi dalla serata di sabato. Sono stati due colpi importanti, che hanno chiuso in bellezza un mercato più che positivo. Si tratta di due giocatori che possono dare delle certezze, attorno ai quali gli unici dubbi che possono presentarsi sono quelli legati alla necessità di togliere la “ruggine” che può averli ricoperti nelle ultime stagioni. Ma stiamo parlando di due uomini che alzano decisamente il livello tecnico rossoblù, che non hanno bisogno di presentazioni e che portano con sé una dote di esperienza e qualità che farà sicuramente bene alla truppa di Delio Rossi. Sono contento del ritorno dello “Zaffiro”: partito troppo presto da Bologna due estati fa per provare ad affermarsi in una grande squadra, è tornato a casa, in una città che lo ha sempre trattato bene e immagino sia felice di riabbracciarlo. Non penso si possa definire come una “minestra riscaldata”: stiamo parlando di un ragazzo di 23 anni, che a Bologna è sbocciato, e che ha lasciato i rossoblù spinto dalla voglia di sfondare in un “top-club”. Era destino che tornasse, il futuro è per lui, e probabilmente il suo futuro sarà colorato di rossoblù per ancora tanti anni. Diverso il discorso su Giaccherini: il suo innesto mi convince, stiamo parlando di un giocatore di trent’anni, che avrà bisogno di giocare per conquistarsi la Nazionale e che quindi darà tutto se stesso per vestire nuovamente l’Azzurro, sapendo che Conte ha un debole per lui e lo terrà sicuramente in considerazione. L’arrivo in prestito secco? Di solito storco il naso di fronte a questa operazione di mercato, ma si tratta di un caso diverso. Punto primo: non bisogna pagargli l’ingaggio e il Sunderland contribuirà al pagamento. Punto secondo: non è un giovane da valorizzare e proveniente da una grande squadra, quindi se non rende nessuno si sentirà in colpa se non dovesse giocare. Punto terzo, vedi sopra: ha voglia di giocare e di riconquistare la maglia della Nazionale, sarebbe lui il primo a rimetterci nel caso le cose andassero storte, e il Bologna può solo trarre profitto da questa situazione.

Si conclude così un mercato che definirei “equilibrato”: c’è chi dà la sufficienza risicata a Corvino per il mercato condotto, chi è entusiasta per quello che è successo e chi pensa che la rosa sia inadeguata e incompleta. Tra disfattismo ed eccessi di ottimismo, posso dire che personalmente  sono soddisfatto della rosa che è stata allestita, ma ritengo che serva anche molto tempo per vedere un Bologna convincente. La squadra è molto giovane (età media poco superiore ai 25 anni), ed è inevitabile che in queste circostanze ci si possa esaltare dopo una vittoria e allo stesso tempo si possa avere il morale sotto terra dopo una sconfitta. Serve equilibrio, e questo deve arrivare dai veterani del gruppo, che sono la minoranza in termini quantitativi, ma che dovranno essere bravi a guidare uno spogliatoio che potrà togliere delle soddisfazioni ai suoi tifosi: sto parlando di Mirante, Maietta, Gastaldello, Brighi, Brienza, ma anche di Taider e Destro, giovani all’anagrafe ma con già tanti anni di esperienza nel calcio che conta. Abbiamo tanti ragazzi in rosa, ragazzi di belle speranze e che possono fare davvero bene in questa squadra: Masina e Ferrari ormai sono veterani e danno garanzie, sono già calcisticamente innamorato di Donsah, Falco e Diawara, penso che Pulgar e Crisetig possano migliorare e dare di più (e immagino lo faranno), e sono curioso di scoprire gli “sconosciuti” Mounier, Krafht e Krivicic.

Ora, possiamo parlare di tattica e del passaggio al 4-3-3, possiamo parlare di equilibrio da trovare e di due settimane fondamentali per la stagione. Almeno adesso abbiamo delle certezze: le porte scorrevoli di Castedebole sono chiuse, chi c’è, c’è. Gioventù vuole dire entusiasmo, esperienza vuole dire guida: il giusto mix sembra esserci, speriamo di trarne vantaggio tutti insieme. Ora il campionato può cominciare veramente. Buon viaggio, Bologna.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy