Non c’è pace per la Fifa, sotto accusa anche la mano di Henry

Non c’è pace per la Fifa, sotto accusa anche la mano di Henry

Non solo i Mondiali assegnati a Russia e Qatar oltre a quello disputato in Sudafrica, la lista delle competizioni viziate dalle tangenti si allarga, così come gli episodi in campo. Sotto accusa ora ci sarebbe anche il Mondiale brasiliano. L’Fbi starebbe indagando oltre che su Jerome Valcke, anche sui suoi rapporti con il numero uno del calcio brasiliano Ricardo Teixeira. Questi non sarebbe ora nel registro degli indagati ma le autorità indagherebbero su mille documenti firmati dagli organizzatori dell’ultima Coppa del Mondo. Non è finita qui, perché la qualificazione della Francia al Mondiale 2010 fu viziata da un fallo di mano di Henry che permise a Gallas di segnare il gol qualificazione nello spareggio di ritorno contro l’Irlanda di Trapattoni. La federazione irlandese era pronta a portare la vicenda in Tribunale ma Blatter bloccò tutto raggiungendo un accordo con John Delaney, direttore generale della Federcalcio irlandese. Lo ha ammesso lo stesso Delaney a Rte: “Volevamo portare quell’episodio in tribunale, poi ci incontrammo con Blatter il venerdì e due giorni dopo raggiungemmo un accordo”. Per accordo si intenderebbe, secondo l’accusa, di 5 milioni di euro per chiudere la vicenda sul nascere.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy