Virtus tra A e A2

Virtus tra A e A2

Tra 7 giorni ci sarà il CdA decisivo per stabilire il futuro bianconero.

Molti gli argomenti che saranno trattati la prossima settimana, ma al centro di tutto ci sarà la scelta dell’iscrizione. Due proposte: la regolare partecipazione in A2 o il ripescaggio in A, in funzione del possibile ritiro di Caserta. Per prima cosa è stato chiesto alla Federazione di attendere a cambiare il nome in società dilettantistica.

Secondo Stadio, l’ipotesi più plausibile rimane la partecipazione in A2, con il seguente assetto societario: Vecchi probabilmente gestirà i fondi bianco neri, uno tra Della Fiori e Trovato come dirigente, insieme a Ramagli, nel caso in cui quest’ultimo riesca a liberarsi da vincoli al termine della stagione, allenatore. L’altro fondamentale obiettivo del prossimo CdA, in cui sarà inoltre nominato il prossimo delegato, è quindi di creare equilibrio e chiarezza all’interno della società.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy