Virtus, nonostante le sconfitte i segnali sono incoraggianti

Virtus, nonostante le sconfitte i segnali sono incoraggianti

Due sconfitte consecutive non dovrebbero aver minato la fiducia che in tanti ripongono in questa Virtus. Il programma studiato da Valli sia dal punto di vista tattico, che dal quello fisico (assieme ai preparatori) segue la tabella di marcia. Forse c’è qualche ritardo per via degli infortuni di Pittman e Cuccarolo, ma il piano tattico è abbastanza chiaro. Il fulcro del gioco sarà il pivot Pittma, autore di due partite in doppia cifra sia come punti che come rimbalzi, attorno a lui altri attori in grado di segnare punti come Ray, Williams e Odom, senza dimenticare l’apporto di Fontecchio. Vitali sarà la guardia in grado di dare ossigeno dalla panchina e girare un paio di viti difensive con aggressività e punti in transizione, mentre Gaddy sarà l’uomo di ordine. Ruolo importante anche per Mazzola che sta sensibilmente migliorando dal punto di vista realizzativi, aspetto importante quando le difese collasseranno su Pittman. E’ una Virtus dunque che segue i suoi programmi, che non si fa influenzare dalle sconfitte che in questa parte di preseason ci possono stare. L’importante è arrivare preparati ad ottobre quando inizierà il campionato e Valli lavora per questo, oltre ad una condizione fisica che dovrà supportare la squadra per tutta la stagione, consentendo ai giocatori di non calare in termini di intensità. Il cammino delle vunere riprende domani, quando al PalaRadi i bianconeri affronteranno nuovamente Cremona, ancora priva di Cusin (all’Europeo) e Vitali (opinionista Sky).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy