Virtus, il presidente Villalta: “Dispiaciuti ma guardiamo avanti. Meritiamo i playoff”

Virtus, il presidente Villalta: “Dispiaciuti ma guardiamo avanti. Meritiamo i playoff”

Solita Virtus: concreta e compatta in casa, distratta e sciupona fuori dall’Unipol Arena. La sconfitta di domenica a Cremona ha rallentato i piani di corsa verso i playoff ma non ne ha pregiudicato il raggiungimento, il presidente bianconero Villalta ci crede ancora: “Siamo dispiaciuti  ma adesso dobbiamo guardare avanti sapendo che da qui alla fine ci sono ancora quattro gare da disputare. Siamo ancora in corsa, siamo ancora tra le prime otto.”

Una squadra giovane che spesso paga la pressione dell’ambiente esterno e fa fatica a contenere la spinta e la carica degli avversari. L’inizio contro Cremona aveva comunque fatto sperare bene, poi qualcosa è andato storto: “Alle prime difficoltà sono riemersi gli individualismi – spiega Villalta – ha ragione il nostro coach quando dice che nella pallacanestro non c’è spazio per gli egoismi e,infatti, quando siamo tornati a passarci la palla siamo passati da -20 a +2.”

La reazione non è stata però abbastanza convinta e, complice la stanchezza finale che ha reso la squadra poco lucida, la Vanoli ha vinto con merito: “Non dobbiamo demoralizzarci ma guadare avanti facendo un ultimo importate sforzo.”

La gara di Cremona ha lasciato con se anche qualche piccola polemica aperta dal manager club lombardo Andrea Conti, secondo il quale a fine partita Valli e Villalta si sarebbero rivolti all’arbitro con toni pesanti. Il giudice sportivo non ha riscontrato nessuna irregolarità nella condotta dell’allenatore e del presidente, ma Villalta ha ritenuto opportuno chiarire comunque la  situazione: “Certe accuse mi offendono, sia come persona sia come dirigente. Parlo sempre con gli arbitri a fine partita, ma per salutare,non entro mai nel merito della partita.” 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy