Virtus, Fondazione in difficoltà dopo l’assemblea di ieri. Baraldi: “Non assumeremo il controllo della Vu”

Virtus, Fondazione in difficoltà dopo l’assemblea di ieri. Baraldi: “Non assumeremo il controllo della Vu”

Si complica la situazione della Virtus, Zanetti resta alla finestra.

Che davvero l’ultima speranza sia riposta in Tacopina? Sembra proprio così dopo l’assemblea dei soci della Fondazione Virtus tenutasi ieri sera nella sede della Lighthouse, l’azienda di Pietro Basciano. La notizia emersa è sostanzialmente questa: al momento gran parte dei soci non ha intenzione di impegnarsi in un aumento di capitale fondamentale per le sorti del club.

Oggi dunque verranno spedite lettere ad ogni socio della Fondazione per chiedere un contributo in vista delle imminenti scadenze. Le parole di Pietro Basciano sono chiare: “L’assemblea ha preso atto del fatto che non ci sono state espressioni di interesse per quanto riguarda l’aumento di capiate – riporta il Corriere di Bologna – domani partirà una lettera ai soci per chiedere di dare un contributo. Ci sono scadenze, come ogni mese, e spero che i soci ne risponderanno”. All’assemblea era presente anche Luca Baraldi in rappresentanza di Massimo Zanetti, socio della Fondazione, ma non è previsto un impegno massiccio da parte dell’ex presidente del Bologna: “Siamo impegnati nel ciclismo e nella F1 – ha affermato Baraldi – non abbiamo le forze professionali per seguire una gestione di leadership nel basket. Siamo arrivati per ultimi, quando ci è stato chiesto di raddoppiare il contributo lo abbiamo fatto e se ci sarà un progetto faremo la nostra parte. Rimarremo in Fondazione ma non acquisteremo la Virtus”. Insomma, non resta che sperare in Tacopina?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy