Valli e Vitali in coro: “Abbiamo dato il massimo, ora sotto con Sassari”

Valli e Vitali in coro: “Abbiamo dato il massimo, ora sotto con Sassari”

L’allenatore e la guardia dell’Obiettivo Lavoro hanno commentato il match perso a Milano e quello che è il momento dei bianconeri.

E’ un Giorgio Valli comunque soddisfatto e che non rimprovera nulla ai propri ragazzi, usciti sconfitti dal Forum per 87-72, quello che si presenta in conferenza stampa dopo il match. Il coach ex Ferrara analizza con lucidità l’incontro, come riporta Stadio: “Non è mai facile giocare qua a Milano, soprattutto in un momento complicato come questo. Non abbiamo problemi di agonismo, perché la squadra ha dato il 101% in quanto ad aggressività mentale e nessuno ha mollato, neppure quando siamo andati sotto di quindici punti. Siamo rimasti in partita per almeno trenta minuti, recuperando più di una volta lo svantaggio”. 

Il condottiero bianconero si concentra poi sui difetti che hanno impedito alla Virtus di strappare i due punti: “Il minimo nostro errore è stato punito. Loro, grazie al tiro da tre punti e il contropiede, hanno rotto l’equilibrio e noi abbiamo peccato di esperienza. Nonostante questo abbiamo difeso molto bene e siamo stati presenti sotto le plance, in particolare a rimbalzo in attacco”. 

Valli resta fiducioso per il futuro: “Ogni giocatore ha fatto un passo in avanti, soprattutto Pittman, che mi sembra recuperato appieno. Nonostante la sconfitta sono contento perché abbiamo rispettato il piano partita. Questo match ci deve servire da lezione, facendo tesoro delle cose che funzionano e di quelle che non vanno. La classifica è deficitaria, ma il carattere per risalire non manca, magari già dalla prossima gara con Sassari”. 

Oltre all’allenatore dell’Obiettivo Lavoro, si è prestato alle domande dei colleghi anche Michele Vitali, uno dei migliori per Bologna con dodici punti a referto. “Abbiamo dimostrato che non ci tiriamo indietro davanti alle difficoltà. La strada intrapresa è quella giusta – afferma la guardia ex Caserta – dobbiamo continuare a lottare come oggi per uscire da questo momento complicato. Dicevano che avremmo preso trenta punti e, invece, a cinque minuti dalla fine, eravamo sotto di un punto. Poi, nel finale, abbiamo sbagliato qualcosa di troppo e loro ne hanno approfittato subito. Resta comunque il fatto che non abbiamo mai alzato bandiera bianca”.

Nonostante la classifica pianga, il fratello minore di Luca crede ciecamente nelle qualità della Virtus: “Noi dobbiamo pensare a fare del nostro meglio, già dalla partita con Sassari, che giocheremo davanti al nostro pubblico. Dovremo lottare su ogni pallone, tirare fuori il cuore e gettarlo oltre l’ostacolo, pur sapendo che non sarà affatto facile. Non dobbiamo perdere la fiducia in noi stessi, ripartendo dagli aspetti positivi e imparando dai nostri errori“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy