Piazza: “Per me sarà una serie speciale, difficile vincere al PalaDozza”

Piazza: “Per me sarà una serie speciale, difficile vincere al PalaDozza”

Nella serie playoff contro Agrigento la Fortitudo Bologna ritroverà una vecchia conoscenza ora in maglia siciliana: Alessandro Piazza, campione d’Italia nel 2005 con la Effe.

Nella prossima serie playoff la Fortitudo Bologna affronterà la Fortitudo Agrigento dell’ex Alessandro Piazza. Il playmaker classe 87′ ha fatto tutta la trafila delle giovanili con la squadra bolognese e nel 2005 a 18 anni vinse il suo primo scudetto con la Effe collezionando però pochissime presenze vista la giovane età. Ora indossa la maglia di Agrigento dal 2013 e guiderà i siciliani nella serie playoff contro la Fortitudo Bologna. Intervistato da ‘Il Resto del Carlino‘ racconta le sue impressioni: “Per me questa sarà una serie speciale. Intanto sono contento per la nostra società perchè giocare su campi prestigiosi come quello di Treviso o di Bologna è una bella medaglia per chi si è affacciato solo da qualche anno alla pallacanestro di un certo livello. Poi ci sono io che sono sempre stato tifoso dell’Aquila, che lì sono cresciuto e ho tanti amici, ma non è la prima volta che l’affronto perciò sono preparato all’emozione”.

Poi Piazza ricorda l’anno dello scudetto a Bologna: “Pregavo che si avverasse un sogno. Dovevo ancora compiere 18 anni e ragionavo più da tifoso che da giocatore. Ero un giovane che aiutava la squadra ad allenarsi e che andava in campo se la partita era già decisa, per risparmiare chi la gara l’aveva disputata realmente”.

Il play in estate era stato accostato alla Effe ma ha scelto di rimanere ad Agrigento: “L’interesse della Fortitudo mi ha lusingato ma non potevo andare via. Sentivo riconoscenza per chi aveva avuto fiducia in me ed era giusto restare. Da ottavi eravamo arrivati in finale, potevamo entrare nella storia dato che nessuno da ultimo era riuscito a centrare la promozione”.

Infine Piazza presenta la serie playoff tra la sua Agrigento e la Effe: “Se Bologna riesce a portare la gara sui suoi binari sono loro ad avere un vantaggio. Se invece giochiamo ai nostri allora saremo noi. Inoltre è difficile vincere al PalaDozza e io che ho vestito quella maglia so quale spinta può dare la Fossa dei Leoni che non smette un secondo di incitare la propria squadra. Dobbiamo provarci, senza calcoli”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy