NOTA VIRTUS SULLA VICENDA BIGLIETTI

NOTA VIRTUS SULLA VICENDA BIGLIETTI

Riportiamo e pubblichiamo integralmente la nota ufficiale Virtus relativa ai biglietti riservati agli ospiti nel derby di venerdì

“Facendo seguito alle notizie ed alle interviste che sono state pubblicate e trasmesse in questi giorni su diversi mezzi di informazione, Virtus Segafredo Bologna intende fare chiarezza in merito ai contenuti ed allo svolgimento dei fatti.

In data 21 marzo Virtus, su invito di Fortitudo, è stata convocata ad un incontro interlocutorio presso la Questura di Bologna, che aveva lo scopo di individuare le soluzioni per la gestione della sicurezza in arena.
In tale occasione Fortitudo ha proposto a Virtus di limitare il settore ospiti a 250 spettatori, a cui aggiungere i 42 posti riservati alla dirigenza Virtus, così come da accordi di reciprocità presi in occasione del “derby dell’Epifania”.
Virtus ha immediatamente fatto presente che, in virtù dell’ Art. 28 del regolamento esecutivo gare della Federazione Italiana Pallacanestro, la formazione di casa deve consegnare alla squadra ospite il 10% della capienza (pari a 557 posti).
Per questa ragione Virtus non ha ritenuto possibile accettare la proposta di Fortitudo e, nello stesso pomeriggio, ha formalizzato a Fortitudo stessa la richiesta di 557 biglietti, mettendo in copia conoscenza FIP, Lega Nazionale Pallacanestro e Questura di Bologna.

Alcuni giorni dopo la Fortitudo ha risposto alla richiesta sottolineando la criticità sulla sicurezza del Pala Dozza e indicando che aveva preso in esame due soluzioni:
– la prima, più semplice, che individuava in 250 i posti per la tifoseria ospite senza criticità in termini di servizi igienici e uscite di sicurezza;
– la seconda, per la quale c’erano alcune criticità, comunque da analizzare e risolvibili, con 430 posti per la tifoseria ospite.

Comprendendo la situazione e l’importante sforzo che Fortitudo avrebbe dovuto fare, Virtus ha accettato di ridurre la quantità di sua spettanza da 557 a 472 (pari a ca. il 15% in meno)

Due giorni dopo invece, con grande nostro stupore, Fortitudo ci comunica che l’unica soluzione praticabile era la prima, quella da 250 spettatori, mentre quella da 430 non era ritenuta più praticabile.
Virtus, ritenendo lesi i suoi diritti, ha formalizzato una richiesta di intervento da parte di FIP perché facesse quanto nella sua titolarità per far rispettare il regolamento a Fortitudo

Dopo l’intervento di FIP in tal senso (di cui solo informalmente abbiamo notizia), di fronte alla rigidità di Fortitudo, con l’obiettivo di evitare polemiche e stemperare la situazione, ieri mattina abbiamo formulata una ulteriore proposta a Fortitudo (LETTERA PUBBLICATA DI SEGUITO A QUESTO POST) che, con una ulteriore nostra rinuncia, se accolta dovrebbe risolvere la questione.
In sintesi la proposta prevede di assegnare alla nostra tifoseria i 250 biglietti e di consegnare i restanti 180 biglietti alle istituzioni sportive (in specifico la Presidenza Regionale FIP) ed a quelle civili (la Prefettura) perché le assegnino a dirigenti ed arbitri ed a forze dell’ordine e protezione civile, tutte categorie di spettatori non certamente classificabili quali “tifoseria organizzata della squadra ospite” e che in quanto tali avrebbero potuto nel caso condividere vie di fuga e servizi igienici con gli altri spettatori.
Siamo in attesa di una risposta che, secondo gli accordi di ieri sera confermati anche in mattinata, avrebbe dovuto pervenire entro le ore 13.00…

Ma non era un problema di sicurezza?”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy