La Fortitudo si prende la finale, la storia ad un passo

La Fortitudo si prende la finale, la storia ad un passo

I biancoblù battono ancora Treviso al Pala Dozza, è finale. Ora attendono gara 5 tra Scafati e Brescia.

Può esplodere di gioia il Pala Dozza, la Fortitudo è in finale e si giocherà un posto per la Serie A. Battuta ancora una volta Treviso per il 3-1 finale. Partita brutta, tesa, a punteggio basso, ma la differenza l’hanno fatta l’energia della Effe sospinta dal suo incredibile pubblico. Mancano dunque tre vittorie per ritornare in massima serie, una finale che la Effe può preparare con più calma essendo Scafati e Brescia impegnate domani in Gara 5.

Poco importa se il fattore campo sarà di nuovo a sfavore, perché gli uomini di Boniciolli hanno dimostrato di poter rendere il proprio palazzetto un fortino e al contempo assaltare case altrui. Conforta il fatto che anche una partita giocata maluccio sia stata vinta, grazie alla tenacia, al cuore. Treviso ha tirato male, malissimo, il vero dato a decidere le sorti di una sfida equilibrata ma quasi sempre nelle mani dei padroni di casa. La Effe parte male e si ferma a soli 6 punti nei primi 8 minuti, gli ospiti non ne approfittano sbagliando tanto dalla lunga. E’ Candi ad accendere la miccia con una palla recuperata e un assist per una tripla di Montano che sveglia tutto il palazzetto. La Fortitudo poi scappa, va a più dieci con Carraretto – uno dei pochi a trovare il canestro assieme a Montano – ma Treviso ritorna fino al meno cinque dell’intervallo.

La ripresa è ancora di stampo Fortitudo, Treviso impiega tante energie per restare attaccata senza mai superare. Arriva solo il pareggio a quota 45 ma Montano ricaccia i fantasmi con un canestro di tabellone. E’ l’ultimo scoglio prima della festa. Finisce 54-47. Ora la finale, per un sogno che può continuare.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy