I Kings gettano via un’altra occasione: New Orleans rimonta e vince

I Kings gettano via un’altra occasione: New Orleans rimonta e vince

di Tommaso Rocca

Con una grande rimonta partita dal -14 sul finire del terzo quarto i New Orleans Pelicans ottengono davanti al proprio pubblico una bella vittoria sui Sacramento Kings (115-112) che vedono allontanarsi sempre di più l’obiettivo playoff. Allo Smoothie King Center di New Orleans va in scena la sfida tra due deluse della Western Conference che vede alla fine primeggiare i Pelicans trascinati dal solito Anthony Davis autore di una doppia doppia da 31 punti e 10 rimbalzi condita anche con 3 rubate. Dal canto suo i Kings si affidano al solito Cousins che risponde con una prestazione mostruosa da 40 punti, 16 rimbalzi 4 assist e 4 palle rubate. Non basta però ai biancoviola per portare a casa la vittoria visto che nell’ultimo quarto l’attacco dei californiani si inceppa e New Orleans completa la rimonta che vale l’aggancio ai Kings in classifica seppur a 6 vittorie dall’ottavo posto a Ovest che permetterebbe di disputare i playoff. Sacramento inizia anche bene la gara con il piglio giusto e Gay e Rondo, entrambi in non perfette condizioni fisiche, che appaiono nella serata buona.

Il vantaggio all’intervallo è di 13 punti (63-50) e la formazione di coach George Karl comincia bene anche la ripresa e Casspi e Belinelli, entrati dalla panchina, rintuzzano i tentativi di rimonta di New Orleans con triple e liberi importanti. Il bolognese, in campo per 20 minuti chiuderà con 12 punti a referto frutto di un buon 4/6 dal campo (2/4 da 3) e 2/2 ai liberi. Rondo e Gay seppur debilitati portano a casa entrambi una doppia doppia fatta da 18 punti e 10 assist per il play ex Boston e 18 punti e 10 rimbalzi per l’ala ma a tradire è Darren Collison che dopo ottime prestazioni nelle ultime partite chiude con 2/10 dal campo per 5 punti totali e soprattutto 6 palle perse compresa l’ultima sull’azione che poteva valere il pareggio per i Kings. Dall’altra parte i Pelicans si aggrappano a Davis e grazie ai piccoli come Holiday (23 punti e 10 assist) e Cole (20 punti, 7 rimbalzi e 6 assist) portano a compimento la rimonta nel quarto finale sorpassando i Kings con la tripla di Cunningham a 36 secondi dalla sirena e guadagnando la vittoria davanti al proprio pubblico. Sacramento alla fine è doppiamente delusa, per aver perso una gara che pareva già vinta e per essere raggiunta in classifica dai Pelicans anche se per entrambe le franchigie la zona playoff è sempre più distante. Troppe palle perse per i californiani che ne contano oltre alle 6 di Collison anche 5 per Rondo e Cousins e 4 per Rudy Gay. Il sogno playoff di Sacramento sembra svanire all’orizzonte anche questa stagione quindi e c’è da scommettere che molte cose cambieranno in vista del prossimo anno: un’altra rivoluzione tecnica che finora ha portato in California poche soddisfazioni e tante delusioni nonostante ci siano giocatori nel roster che avrebbero le potenzialità per ambire a posizioni di classifica ben più nobili. Un tecnico esperto come Karl (tra i dieci più vincenti nella storia dell’NBA) non è riuscito ad amalgamare il talento presente in una squadra partita con ben altre aspettative per questa stagione visti anche i soldi spesi, ora la franchigia dovrà riflettere sul futuro e capire chi è l’uomo giusto per poter guidare una fuoriserie che troppo spesso si impianta sul più bello.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy