Fortitudo- Bergamo, le pagelle

Fortitudo- Bergamo, le pagelle

CANDI 7 (12 p.ti). Fondamentale. Mette la tripla del pareggio a fine primo tempo, con le lunghe braccia ruba due palloni importantissimi, chiude in schiacciata un’azione e trascina squadra e pubblico. MVP.

VALENTINI 6.5 (2 p.ti). Boniciolli voleva di più, e questa sera Valentini, difensivamente, è stato devastate. E se Bona chiude con soli 6 punti segnati -lui che ha viaggiato a 18 di media in regular season- è tutto merito dell’8 biancoblù.

LAMMA 6.5 (5 p.ti). Non impattante offensivamente come in gara-1, difende fortissimo: tocca tutti i palloni degli avversari, corre e si sacrifica per la causa.

IANNILLI 6.5 (10 p.ti). I tre falli in 15′ rischiano di farlo uscire dalla partita. Ma quando entra in campo gioca con intelligenza, non ne commette più ma si fa ugualmente rispettare. Nel finale chiude la pratica con due tiri apprezzabilissimi dalla media distanza.

SAMOGGIA 6.5 (2 p.ti). Silenzioso in attacco per quasi tutta la gara, mette un canestro fondametale che allontana le velleità di rimonta ospite.

MONTANO 6.5 (12 p.ti). Male nel primo quarto, ma straripante in avvio di ripresa. Segna 9 punti in neanche 5′, mette la partita sui binari di Bologna e consente alla squadra di allungare. Serve altro? Da rivedere in qualche chiusura difensiva.

SORRENTINO 6 (2 p.ti). Una rubata con appoggio nel finale. Solito agonista, sempre concentrato. A tratti nervoso, ma fa parte del suo carattere e del suo modo di giocare. Ma nei playoff, questo può essere un vantaggio per lui e per la squadra.

RAUCCI 6.5 (11 p.ti). Devastante nel primo quarto: segna solo lui, da sotto, dalla media, da tre punti. Bravissimo a sfruttare la sua fisicità, anche se c’è qualche errore di troppo quando lo costringono a tirare con la mano mancina. A tutto ciò aggiunge anche 5 assist.

CARRARETTO 6+ (8 p.ti). Non la macchina da punti di gara-1, ma tanta intensità difensivamente che alla fine fa la differenza.

ITALIANO 6.5 (2 p.ti). Giocatore di cuore e di orgoglio, trova tanti minuti per via dei falli di Iannilli. Li sfrutta a dovere, lottando e sacrificandosi, il suo vero marchio di fabbrica.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy