Boniciolli: “Pivot? Uccisi da D’Antoni”

Boniciolli: “Pivot? Uccisi da D’Antoni”

 

Interessante intervista sul Corriere di Bologna al coach della Fortitudo Matteo Boniciolli, tema principale: il ritorno del pivot. Dopo l’ottima prestazione di Pittman con la Virtus e quella di Cervi ad Avellino, sembra tornato di moda il centrone dominante sotto canestro. Ecco il parere di Boniciolli: “Da quando D’Antoni decise di utilizzare Pittis da numero 4 in Europa non abbiamo più vinto niente. Le squadre lì hanno centri da 2.15 e ali grandi da 2.11. Il pivot condiziona perché devi metterlo nelle condizioni migliori di sfruttare il suo potenziale”. Si passa poi nello specifico alla scelta di Valli di affidarsi a Pittman: “E’ ancora presto – ha affermato Boniciolli – ma la scelta si è rivelata subito intelligente, stesso discorso per Cervi, giocatore che corre, salta e stoppa. Molto spesso sento dire che i lunghi disturbano perché si corre di meno, in realtà bisogna insegnare alla squadra a giocare co e per il lungo”. Boniciolli crede nella strategia del centrone, e fa un esempio calzante: “Chi è arrivato in finale all’Europeo? La Spagna con Gasol e la Lituania con Valanciunas. Negli altri campionati d’Europa i pivot giocano, infatti siamo arrivati sesti con la nazionale più forte di sempre”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy