Boniciolli: «La Fortitudo vale Brescia. Il PalaDozza? Paragonabile alle grandi arene dell’Eurolega»

Boniciolli: «La Fortitudo vale Brescia. Il PalaDozza? Paragonabile alle grandi arene dell’Eurolega»

Il coach della Effe presenta gara 3: «Indipendentemente dall’esito, dobbiamo sempre essere esigenti da noi stessi»

Cresce l’attesa per gara 3, in programma alle 18.00 al PalaDozza. La Fortitudo dovrà cercare di fermare il cammino di Brescia, che conduce la serie grazie ai due successi conquistati a Montichiari. «Se siamo arrivati fino a qui è perché ce lo siamo guadagnati – puntualizza coach Matteo Boniciolli sulle pagine di Stadio, ma dal nostro pubblico l’appoggio ce lo dobbiamo meritare. L’atmosfera che c’è al PalaDozza non è una cosa che trovi da altre parti. È paragonabile ai campi della grande pallacanestro europea, dell’Eurolega, del Panathinaikos, il Salonicco, l’Olympiakos, arene che fanno la differenza nel supporto alla squadra. È anche un motivo per cui molti giocatori vogliono venire qui».

OBIETTIVO – «Indipendentemente dall’esito – continua l’allenatore della Effe dobbiamo sempre essere esigenti da noi stessi. Restassimo in A2, l’anno prossimo non saremmo la bella squadra neopromossa con il grande nome sulle spalle. Punteremmo ai play-off. E non parlo di budget. Chi viene alla Fortitudo deve essere pronto a lottare per grandi traguardi, per i più importantiSenza dubbio valiamo Brescia, che arriva a questa partita coi favori del pronostico dopo aver perso una finale due anni fa e una semifinale lo scorso anno. Noi siamo la Fortitudo. Per cui, chi è qui e chi resterà, dovrà tornare a lavorare dal 15 luglio comunque vada. Non è facile. Ma non si può vivacchiare».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy