Boniciolli: “Adesso arrivano le partite che non si possono sbagliare”

Boniciolli: “Adesso arrivano le partite che non si possono sbagliare”

Le parole di coach Boniciolli intervistato da ‘Il Resto del Carlino’.

La Fortitudo Bologna è in piena corsa per i playoff, le prossime quattro gare in venti giorni saranno decisive per il futuro della squadra.

Intervistato da “Il Resto del Carlino”, coach Boniciolli ha parlato in primis delle ultime amichevoli disputate dalla Fortitudo: “Sono insoddisfatto delle ultime due prestazioni perchè anche a Cento e a Piacenza abbiamo commesso tanti errori di concentrazione che in trasferta ci costano la vittoria. Cresciamo sul piano fisico, tecnico e tattico, ma continuiamo ad avere dei blackout che non ci consentono di esprimere il nostro potenziale. Non abbiamo la sufficiente maturità per trasformare in una prestazione vincente il buon lavoro che svolgiamo durante la settimana.

Poi si è parlato della rosa infarcita di giovani con poca esperienza: “Quando sono arrivato qui mi è stato proposto un lavoro di prospettiva e non a breve termine. Insieme a Corbelli e Pavani siamo riusciti a riportare la Effe in un campionato di interesse nazionale. Se avessi voluto lavorare per un risultato immediato avrei accettato altre offerte. La presenza di Valerio Amoroso ci dà quella serenità necessaria per arrivare un po’ più tranquilli a fine gara, avevamo bisogno di un giocatore del suo talento e della sua esperienza per diventare un gruppo più solido.

Inoltre Boniciolli ha tracciato la strada per raggiungere i playoff: “Non siamo esclusi da questa corsa, è chiaro che adesso arrivano le partite che non si possono sbagliare a partire da quella di domenica a Jesi.

Infine coach Boniciolli ha parlato del suo futuro e della sua permanenza sulla panchina della Fortitudo: “Io sto lavorando per rimanere, perchè vorrei portare a compimento un progetto che vede la Fortitudo come una realtà importante della pallacanestro italiana anche per i suoi risultati sportivi. Ma la mia permanenza non dipende solo da me, ad esempio se non andiamo ai playoff la società potrebbe non essere soddisfatta del mio operato e pensare ad un altro allenatore. A bocce ferme ci incontreremo e vedremo che cosa io posso offrire alla proprietà e che cosa la proprietà può offrirmi. Sono tutti discorsi prematuri, ora dobbiamo concentrarci solo sul finale di campionato.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy